mutuo fondiario

Mutuo fondiario e mutuo ipotecario: analogie e differenze

Quando ci si accinge a richiedere un mutuo, è molto importante essere informati sulle caratteristiche che deve avere. La prima fondamentale nozione da conoscere è se si sta richiedendo un mutuo fondiario o ipotecario. Vediamo allora cosa sono e qual è la differenza tra loro. Caratteristiche del mutuo fondiario Il mutuo fondiario è una sotto-categoria […]

Quando ci si accinge a richiedere un mutuo, è molto importante essere informati sulle caratteristiche che deve avere. La prima fondamentale nozione da conoscere è se si sta richiedendo un mutuo fondiario o ipotecario. Vediamo allora cosa sono e qual è la differenza tra loro.

Caratteristiche del mutuo fondiario

Il mutuo fondiario è una sotto-categoria del mutuo ipotecario, dato che per chiederlo è necessario accendere un’ipoteca di primo grado sull’immobile da acquistare. Tuttavia in molto confondono le due tipologie, che a ben vedere hanno alcune differenze. Ecco le principali caratteristiche del mutuo fondiario:

  • può essere concesso solo per acquisto, ristrutturazione e costruzione di una prima casa;
  • la durata varia da un minimo di 1 ad un massimo di 30 anni, tanto che si parla di mutuo a medio-lungo termine;
  • può essere concesso fino ad un massimo dell’80% del valore dell’immobile;
  • gode di condizioni economiche più vantaggiose, come i tassi di interesse applicati, gli sgravi fiscali e le spese notarili ridotte;
  • gli interessi passivi possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi.

In sostanza si tratta di una tipologia di mutuo ipotecario più specifica e più vantaggiosa, che però può essere richiesta solo in determinate circostanze, ossia se l’immobile risulta come prima casa.

Differenze con il mutuo ipotecario

Il mutuo ipotecario è l’accezione più generica per intendere un prestito concesso da una banca a fronte dell’accensione di un’ipoteca a garanzia del finanziamento. Tuttavia è utilizzato per motivi diversi dall’acquisto della prima casa, in genere si usa per immobili non a fini abitativi, e ha dei costi mediamente più elevati rispetto al mutuo fondiario. Si usa il mutuo ipotecario ad esempio per richiedere liquidità aggiuntiva o un mutuo seconda casa.

Il modo migliore per capire quale mutuo fa al caso nostro è confrontare le proposte delle diverse banche sui siti di comparazione mutuo online: basta inserire importo e finalità per conoscere in pochi secondi l’importo della rata mensile dei principali istituti di credito.

Scrivo di mutui perché sogno di poterne fare uno. Adoro gli indovinelli; sai come si fa a tenere una persona sulle spine? Dopo te lo dico…

Continua a leggere

Articolo precedente
Trasferimento mutuo
News

Trasferimento mutuo: come fare e quando conviene

Articolo successivo
rifinanziamento mutuo
News

Rifinanziamento mutuo: cos’è e come funziona

Right Menu Icon