Cosa significa mutui con TEG e TEGM: le differenze

Acronimo di Tasso Effettivo Globale, il TEG è un tasso che indica il costo effettivamente sostenuto per aver avuto accesso al credito. Il TEG sul mutuo si differenzia quindi dal TAEG, che invece è un tasso indicativo, teorico, che ci dice a priori quanto ci costerebbe ottenere un determinato finanziamento. Dal momento della stipula del contratto fino all’estinzione del debito intercorrono solitamente diversi anni, nei quali i tassi subiscono modifiche anche importanti. Può quindi essere che, a posteriori, il costo sostenuto sia diverso da quanto ipotizzato all’inizio del contratto.

Il TEG è anche un tasso fissato dalla Banca d’Italia, calcolato su base trimestrale, per indicare il limite massimo che può essere richiesto su un finanziamento, limite oltre al quale il creditore incorre in usura. Questo perché un prodotto potrebbe essere particolarmente vantaggioso dal punto di vista del tasso di interesse, ma poi potrebbe rivelare spese di gestione pratica e costi connessi al conto corrente particolarmente sfavorevoli, che rivelano un TEG sul mutuo eccessivamente elevato.

Il TEGM invece è l’acronimo di Tasso Effettivo Globale Medio: l’insieme dei TEG rilevati e relativi ad una categoria di prodotti e operazioni costituisce il TEGM. Esistono diversi tipi di TEGM, in relazione al tasso preso in considerazione (fisso o variabile) ed in relazione agli importi (inferiori o superiori a 5000€). Anche i TEGM sono rilevati trimestralmente sulla base dei tassi applicati sul mercato, ed in seguito “aumentati” del 25% per determinare i tassi “soglia”, ovvero i valori limite oltre ai quali il tasso applicato è usuraio. In ogni caso il differenziale tra TEGM e tasso soglia non po’ eccedere gli 8 punti percentuali.

TEG e TEGM: parametri, formula e calcolo

La formula per il calcolo del TEGM sui mutui è di per sé algebricamente semplice: si tratta di una media tra diversi tassi praticati sul mercato e successivamente a questa media si moltiplicherà il valore ottenuto x 1,25 in modo determinare i tassi soglia.

Essendo però il TEGM la media di più TEG, è imprescindibile il calcolo del TEG a priori: in questo caso la formula non è delle più semplici, anche in considerazione del fatto che potremo effettuare questi calcoli solo a posteriori. I dati necessari per il calcolo del TEG sul mutuo sono:

  1. Numeri debitori per le aperture di credito
  2. Interessi
  3. Valore fido
  4. Oneri
  5. Tasso soglia di usura (rilevato dalla Banca d’Italia trimestralmente)

Utilizzando i parametri indicati da Banca d’Italia (pag.12) la formula è:

TEG = interessi x 36500 / numeri debitori + oneri su base annua x 100 / accordato

I numeri debitori per le aperture di credito derivano dal prodotto capitale x n.giorni “considerando l’estratto conto “scalare”, in cui i capitali sono comprensivi degli interessi e delle altre spese addebitate trimestralmente” come indicato da Banca d’Italia (pag.6).

2/5 (3)

Valuta questo contenuto

Right Menu Icon