trasloco senza stress

Come organizzare un trasloco senza stress

Avete avuto quella promozione tanto desiderata in un’’altra città? Siete novelli sposi e dovete raggiungere il vostro nuovo nido d’’amore? Oppure volete semplicemente cambiare aria e intendete trasferirvi in un’’altra casa? Allora è necessario un trasloco. Chi deve traslocare viene spesso preso dall’’ansia, si avvilisce dinanzi alle tantissime cose da fare e non sa neanche […]

Avete avuto quella promozione tanto desiderata in un’’altra città? Siete novelli sposi e dovete raggiungere il vostro nuovo nido d’’amore? Oppure volete semplicemente cambiare aria e intendete trasferirvi in un’’altra casa? Allora è necessario un trasloco.

Chi deve traslocare viene spesso preso dall’’ansia, si avvilisce dinanzi alle tantissime cose da fare e non sa neanche da dove partire. Si chiama appunto ansia da trasloco ma non preoccupatevi, giocando d’’anticipo non avrete motivo di farvi assalire dal panico.

Basta seguire un metodo e mettere giù un buon piano con i nostri 6 consigli su come organizzare un trasloco senza stress.

1. Procuratevi tutto l’’occorrente per il trasloco
La prima cosa da fare è preparare una sorta di inventario di tutto ciò che vi occorre per il trasloco. Innanzitutto bisogna procurarsi un bel po’’ di scatole di cartone per imballare le vostre cose. Potete richiedetele al vostro negoziante di fiducia o anche a qualsiasi supermercato.

Occorrono, poi, 2-3 rotoli di scotch da imballaggio per chiudere le scatole e dei pennarelli per scrivere il contenuto delle scatole. Infine, acquistate dei fogli di pluriball, quella carta con le bolle che amiamo schiacciare giusto per intenderci, dei giornali vecchi ed un taccuino dove annotare il numero delle scatole ed il loro contenuto.

Se non volete fare tutto da soli, ricordatevi che potete sempre contattare una ditta di traslochi. Se dovete fare dei piccoli traslochi potete anche rivolgervi ad una piccola azienda locale; se, invece, dovete effettuare un trasloco internazionale è consigliabile rivolgersi ad una grande azienda che abbia più mezzi e più operai a disposizione.

Se avete deciso di traslocare in autonomia e abitate ad un piano alto potete anche richiedere solo il noleggio di una piattaforma. Sarà sicuramente più comodo che fare mille viaggi con l’’ascensore. Nel caso di noleggio della piattaforma, una ditta di traslochi seria effettuerà un sopralluogo per valutare l’’ambiente circostante e soprattutto per capire quale piattaforma può essere il migliore nel vostro caso specifico.

Vi consiglio di trovare una ditta di traslochi che si occupi anche delle pratiche di occupazione del suolo pubblico per il trasloco. Se il permesso viene negato alla ditta, dovete presentare un’’apposita domanda presso il Comune.

2. La suddivisione degli oggetti
Passiamo al secondo step per conoscere i segreti su come organizzare un trasloco senza stress.

Per quanto riguarda la suddivisione degli oggetti è opportuno sistemare in cartoni a parte quelli di vetro o particolarmente fragili che possono facilmente rompersi durante il trasloco. Avvolgeteli nella carta pluriball e riempite le cavità con dei fogli di giornale.

Per quanto riguarda gli oggetti di valore è meglio tenerli a parte in scatole più piccole, in modo da averli sempre sotto controllo rendendo il loro trasporto più comodo e pratico.

Infine, i vestiti vanno riposti all’’interno di buste di plastica trasparenti o in scatole con degli appendiabiti in modo che non si rovinino. Ovviamente è consigliabile iniziare il trasloco con gli abiti fuori stagione che al momento non utilizzate.

Un altro consiglio: durante il trasloco ritroverete vecchi oggetti o vestiti che neanche ricordavate più di avere. A meno che non abbiano un valore sentimentale o economico, disfatevi di queste vecchie cose in modo da rendere il trasloco meno faticoso e avere meno ingombri per la vostra nuova casa.

3. Trucchi per imballare in modo intelligente
Per studiare come organizzare un trasloco senza stress, la prima cosa da fare è seguire semplici regole iniziali per avere una metodologia.

Iniziate a raccogliere le vostre cose nelle stanze meno utilizzate in modo da non stravolgere le vostre abitudini e avere una idea più chiara del volume da traslocare.

Cercate di raccogliere gli oggetti di ogni singola stanza in uno o massimo due cartoni, in modo da facilitare il trasloco nella nuova casa. A proposito di scatole, cercate di non caricarle oltre i 20 chili, facendo attenzione a riporre gli oggetti più pesanti in fondo e quelli più leggeri sopra.

Una volta chiuse le scatole, numerate le scatole con un pennarello scriveteci sopra il contenuto e la stanza da cui provengono (sala, cucina, camera da letto ecc…). Fate la stessa cosa su un taccuino, segnando il numero della scatola ed il relativo contenuto.

4. Come organizzare un trasloco senza stress per i bambini
Spesso un trasloco rappresenta un piccolo choc. Si cambia casa, si cambiano abitudini, si cambiano vicini, insomma uno stravolgimento abbastanza notevole per la vostra vita, figuratevi per i bambini che vedono il loro piccolo mondo cambiare completamente.

Per organizzare un trasloco senza stress per i bambini iniziate a togliere di mezzo quei giocattoli che i vostri figli non usano più e teneteli nelle scatole per tutti i giorni precedenti al trasloco.

Se i vostri figli non li richiederanno potete eliminarli, in modo da recuperare spazio nella nuova casa. Se ve lo chiederanno in seguito, potete sempre dare la colpa al trasloco e dire che si sono persi. Una piccola bugia a fin di bene è perdonabile.

Cercate di coinvolgere i vostri bambini nel trasloco facendoglielo percepire come un gioco. È anche una buona idea farli partecipare nella scelta della disposizione degli armadi e dei mobili nella loro nuova cameretta.

Infine, per rendere il trasloco meno indigesto, potete comprare un nuovo giocattolo oppure un nuovo set di lenzuola in modo che possano apprezzare da subito le novità.

5. Altri consigli pratici per piccoli traslochi
Per effettuare dei piccoli traslochi ricordatevi di non lasciare mai spazi vuoti nelle scatole, soprattutto se in mezzo ci sono anche oggetti fragili. Ecco perché torna utile avere a mano dei fogli di giornale o pluirball per riempire tutti gli spazi vuoti ed attutire eventuali colpi.

Un altro buon consiglio è quello di preparare una scatola a parte oppure un borsone molto grande per inserire tutti gli oggetti di cui potete avere bisogno nel corso del trasloco (martello, viti, cacciavite, kit da pronto soccorso, guanti, ecc.) oppure oggetti di prima necessità come sapone, asciugamano, magliette di ricambio, ecc.

Se volete organizzare dei piccoli traslochi fai da te, può ritornarvi ugualmente utile una ditta di traslochi, presso cui potete acquistare le scatole per riporre i vostri oggetti, oppure i cosiddetti bauli-armadio dove riporre tutti i vostri vestiti in modo da non rovinarli.

6. Come organizzare un trasloco internazionale senza stress
Concludo questa lista dandovi alcuni consigli per organizzare un trasloco internazionale, per cui bisogna ovviamente fare un discorso a parte.

Innanzitutto bisogna fare una distinzione tra trasloco europeo e trasloco intercontinentale.

Il primo viene effettuato dalle apposite ditte su gomma, quindi con tir e furgoni, e richiede in media 3-4 giorni tra imballaggio merce, carico e scarico. Il secondo viene eseguito per via aerea o marittima tramite i container.

Un trasloco internazionale richiede maggior tempo per ovvi problemi di logistica ma anche per motivi burocratici. In questo caso, valutate attentamente se sia il caso di portare oggetti pesanti ed ingombranti come mobili, armadi o elettrodomestici.

Ad esempio, infatti, potrebbe essere utile rivendere questi oggetti e ricomprarli quando siete all’estero con i solidi ricavati.

Per i piccoli oggetti, invece, vi consiglio di rivolgervi a ditte di spedizioni internazionali, in modo da risparmiare sul carburante, sulle dogane, sulle autostrade e così via. Se, invece, non volete avere nessun tipo di sorpresa, rivolgetevi ad una ditta specializzata in operazioni di trasloco internazionale.

Accertatevi innanzitutto che questa azienda sia iscritta all’albo dei trasporti, nella sezione trasporti internazionali. Ciò significa che la ditta lavora senza intermediari e potrete risparmiare un bel po’ di euro.

Un grande vantaggio di questa opzione è che la ditta di traslochi si occuperà anche di predisporre la documentazione export per la dogana italiana e, se lo desiderate, potete anche sottoscrivere un’’assicurazione per coprire eventuali danni nel corso del trasloco.

Seguendo questi consigli siete sicuramente ben preparati a organizzare un trasloco senza stress. Non mi resta che augurarvi buona fortuna per la vostra nuova vita in un’’altra città!

Continua a leggere

Articolo precedente
mutuo matrimonio
News

Mutuo matrimonio: come risparmiare

Articolo successivo
mutui liquidità
News

Mutui liquidità: la soluzione perfetta per i disoccupati?

Right Menu Icon