quanto-si-spende-acquistare-casa

Quanto si spende oggi per acquistare casa?

Quanto si spende oggi per comprare casa? Uno studio rivela quanto sono disposti a spendere gli italiani per l’acquisto della prima casa (dei sogni ma in budget).

Comprare casa è forse uno dei passi più importanti della vita: quanto si spende per questo acquisto? E’ ovvio che la cifra varierà non solo in base al proprio reddito ma anche di città in città o in zone diverse della stessa città. Quello che lo studio di Tecnocasa ha cercato di tracciare è la tendenza generale all’investimento che accettiamo di destinare all’acquisto di casa. Facciamo un esempio: se tizio guadagna 10 e investe 8 nell’acquisto di casa, avrà una propensione alla spesa per questo passo maggiore rispetto a Caio che guadagna 30 ma spende per la casa 12. E’ una questione di priorità: la casa è una delle tue?

Gli italiani tornano a comprare casa

In questo senso la rilevazione fatta da Tecnocasa ad inizio anno, fa registrare un ritorno agli investimenti nel mattone. C’è una sorta di fiducia riscoperta da parte dei consumatori: la propensione al risparmio è scesa di 0,2 punti percentuali rispetto al trimestre precedente mentre quella alla spesa è salita in misura proporzionale. Nelle grandi città, come Roma e Milano, la maggioranza delle richieste riguarda immobili dal valore compreso tra i 250 e i 349 mila euro; leggermente sotto i 250 e i 200 mila gli importi medi massimi di spesa a Firenze e Bologna mentre in altre grandi centri (come Bari, Genova, Napoli, Palermo, Torino e Verona) la principale richiesta si pone sotto i 120 mila euro.

Comprare casa con e senza mutuo nel 2019

Oggi sono molte poche le persone che riescono a mettere da parte la liquidità per comprare casa senza mutuo; in alcuni casi si tratta di chi rivende casa e ne ricompra un’altra, magari perché le esigenze della famiglia o di lavoro sono cambiate.

Chi compra casa con il mutuo deve tener conto del loan to value. Il LTV indica il rapporto tra la somma erogata al mutuatario da una banca nella linea di finanziamento e il valore della proprietà. In genere la banca compre fino all’80% del valore della casa. Questo significa che il futuro acquirente dovrà disporre del restante 20% come liquidità aggiuntiva. L’alternativa è quella di chiedere un mutuo 100% se la banca lo riconosce ma le condizioni non saranno particolarmente favorevoli perché per l’ente che eroga il finanziamento il rischio di insolvenza è maggiore. Ci sono inoltre alcune spese extra aggiuntive da considerare che vedremo meglio nel paragrafo successivo.

Quanto costa comprare casa: tutte le spese di cui tenere conto

Hai finalmente trovato la casa dei sogni ad un prezzo che rientra bel tuo budget? Sappi però, prima di firmare il rogito impegnandoti per il grande passo, che la spesa finale sarà inevitabilmente superiore a quella del prezzo di vendita. Chi per l’acquisto di casa si è rivolto all’intermediazione dell’agenzia immobiliare dovrà corrispondergli la commissione (di solito circa il 2-3%).
Esistono inoltre alcuni costi fissi e imposte per la spesa dell’atto, ai quali si aggiunge l’onorario del notaio, obbligatorio per il rogito. Difficilmente il notaio per il rogito chiederà meno di 1500 euro: la somma base è di circa 2500 euro, a salire in base al tipo di immobile e alla città.

Da sempre appassionata di scrittura e alla continua ricerca di storie da raccontare. Mi affaccio al mondo dei mutui, argomento non sempre di facile comprensione per tutti, per aiutare chi è alla ricerca di informazioni utili. Non posso vivere senza: musica, amici e wafer 🙂

5/5 (3)

Valuta questo contenuto

Continua a leggere

Articolo precedente
Apollo l'Accollo
News

Mutui Insider: Apollo, l’Accollo

Articolo successivo
habitissimo-hp
News

Ristrutturare casa: tutto ciò che c’è da sapere per non incorrere in errori

Right Menu Icon