PrestitiFacili.net analizza le offerte sui prestiti poco trasparenti.

 Mentre alcuni indicatori lasciano sperare in una ripresa delle erogazioni di prestiti nel 2014, le banche tornano a promuovere i loro prodotti con pubblicità sempre più accattivanti. Cessioni del quinto, credito “agevolato” e, sempre più spesso, finanziamenti a protestati. Piccoli prestiti, grandi slogan! Crif, la centrale rischi che analizza la maggiorparte delle richieste di finanziamento, ha […]

 Mentre alcuni indicatori lasciano sperare in una ripresa delle erogazioni di prestiti nel 2014, le banche tornano a promuovere i loro prodotti con pubblicità sempre più accattivanti. Cessioni del quinto, credito “agevolato” e, sempre più spesso, finanziamenti a protestati. Piccoli prestiti, grandi slogan!

Crif, la centrale rischi che analizza la maggiorparte delle richieste di finanziamento, ha registrato a dicembre 2013 il sesto mese consecutivo di aumento della domanda, in attesa degli effetti delle risorse messe a disposizione dalle Banche in accordo con il Governo.
 
Ecco perché è bene conoscere quali sono le scorrettezze più frequenti, per non cadere nella trappola. PrestitiFacili.net, portale leader nella scelta dei migliori prestiti personali, ha evidenziato nell`analisi dell`ultimo anno che è troppo diffusa la mancata chiarezza negli slogan pubblicitari sui costi reali del finanziamento.
Per legge le offerte devono sempre indicare in modo preciso il prestiti in un`unica rata, senza però dichiarare l`allungamento del periodo di rimborso del prestito.
Oggi, sottolinea PrestitiFacili.net, spesso si pubblicizzano rate inferiori ma, di fatto, senza indicare la durata, il costo complessivo potrebbe essere molto più elevato.
Nel campo dei servizi finanziari, solo nel periodo 2007-2012 il Garante ha punito per pratiche scorrette più di 100 finanziarie, per un totale di oltre 4 milioni di sanzioni. Nel mirino Finiblea (Finanziaria Siciliana specializzata nelle Cessioni del Quinto), Expert Italia e Findomestic.
 
Loredana Aprile

Continua a leggere

Articolo precedente

A rischio il 19% alle detrazioni sui mutui.

Articolo successivo

Domande mutuo in crescita, mercato immobiliare in stallo, Gran Bretagna da emulare

Right Menu Icon