Nella corsa al mutuo avvantaggiati gli under 35 con posto fisso

Il mercato del lavoro cambia alla velocità della luce, ma quello immobiliare mantiene un passo da lumaca. Si moltiplicano i prodotti dedicati alle categorie tradizionalmente escluse dal credito, ma quando si tratta di aprire i rubinetti le banche restano caute. Questa la “diagnosi” di Tecnocasa.    Meglio impiegato che pensionato Dati alla mano, la stragrande […]

Pensione, Vuoto, Confine, CoppiaIl mercato del lavoro cambia alla velocità della luce, ma quello immobiliare mantiene un passo da lumaca. Si moltiplicano i prodotti dedicati alle categorie tradizionalmente escluse dal credito, ma quando si tratta di aprire i rubinetti le banche restano caute. Questa la “diagnosi” di Tecnocasa. 
 

Meglio impiegato che pensionato

Dati alla mano, la stragrande maggioranza dei mutui viene erogata a chi ha entrate certe  (83,5%). Tra i lavoratori flessibili i “fortunati” non arrivano al 7%, e la situazione è ancora più scoraggiante per imprenditori (4,3%) e pensionati (3,3%).  
Si rilevano peraltro peculiarità legate a ciascun area del Paese. «Il centro si caratterizza per una quota di finanziamento a lavoratori autonomi più alta tra tutte le macroaree (5,6%). Nelle Isole, invece, si riscontra la minor incidenza di dipendenti a tempo indeterminato (78,6%) e la maggiore percentuale di pensionati (5,1%)».
 

Giovane e italiano, questo è l’identikit del mutuatario ideale

Nonostante l’elevata mobilità della popolazione, i clienti preferiti delle banche restano i connazionali. Infatti, circa nove mutui su dieci sono stati concessi a clienti di origine italiana. Solo nel 9% dei casi si trattava di cittadini di altri Paesi europei. Appena il 2,5% dei finanziamenti è stato erogato a immigrati extra-europei. Tuttavia, si tratta di dati in crescita rispetto al 2013.
Dal punto di vista anagrafico, i giovani hanno più “fame” di mutui, soprattutto gli under 35 (40% delle domande), a fronte del 35% proveniente da persone di età compresa tra 35 e 44 anni
 
 
 
(18-02-2015)
 
Francesca Garrisi
 
 
Seguici su
 
 

Continua a leggere

Articolo precedente

Che succede se non puoi più pagare le rate del mutuo?

Articolo successivo

Spread al 2% con CheBanca! e il mutuo decolla

Right Menu Icon