mutui casa

Mutui casa: chiarimenti Agenzia delle Entrate su esenzione imposte per categorie agevolate

Sull’esenzione dell’imposta di bollo e di registro sui mutui casa richiesti da alcune categorie specifiche di clienti per le quali sono prevista agevolazioni, è intervenuta l’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione n. 61/E volta a fare chiarezza. Le novità riguardano in particolare giovani coppie, famiglie numerose o nuclei familiari con disabili a carico. Mutui casa: […]

Sull’esenzione dell’imposta di bollo e di registro sui mutui casa richiesti da alcune categorie specifiche di clienti per le quali sono prevista agevolazioni, è intervenuta l’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione n. 61/E volta a fare chiarezza. Le novità riguardano in particolare giovani coppie, famiglie numerose o nuclei familiari con disabili a carico.

Mutui casa: agevolazioni fiscali per giovani e famiglie

Con la Risoluzione sopra citata l’Agenzia delle Entrate estende ai beneficiari finali dei mutui richiesti da queste categorie di soggetti il trattamento di favore riservato alle banche che ottengono i finanziamenti dalla Cassa depositi e prestiti, ovvero l’esenzione dall’imposta di registro, bollo e da ogni altro tipo di imposta indiretta. Lo scopo è quello di favorire l’accesso al credito per l’acquisto o per la ristrutturazione dell’abitazione principale da parte di categorie di soggetti particolarmente meritevoli di tutela.

In quest’ottica l’Agenzia delle Entrate fa riferimento alla “stretta correlazione che sussiste tra il contratto di finanziamento stipulato tra Cdp e la banca ed il contratto di mutuo stipulato tra la banca ed il beneficiario finale” per concludere che è lecito ritenere che la previsione di esenzione “debba trovare applicazione in relazione al complessivo rapporto di finanziamento”. L’esenzione da imposta di bollo e di registro quindi si deve considerare legittimamente estesa anche in contratto stipulato tra la banca ed il beneficiario finale e non limitata in via esclusiva al finanziamento intercorrente tra Cdp e banche.

Mutui casa giovani e famiglie: come risparmiare

Questi canali preferenziali servono a consentire ai giovani e alle famiglie numerose o con disabili a carico l’accesso al credito. Per trovare il preventivo migliore sulla base dei propri parametri di ricerca il primo passo da compiere è quello di cercare online sui siti di comparazione mutui. Questi strumenti permettono di risparmiare sulla rata del finanziamento con un semplice click.

Continua a leggere

Articolo precedente
detrazione materasso
News

Detrazione materasso 2016: cosa sapere prima dell’acquisto e come richiederla

Articolo successivo
simula mutuo
News

Simula mutuo casa: i parametri da confrontare

Right Menu Icon