simula mutuo

Simula mutuo casa: i parametri da confrontare

L’uso dei comparatori online facilita molto la vita di chi è in procinto di acquistare casa: chi simula un mutuo casa online può infatti confrontare le condizioni proposte da diverse banche e fare una proiezione della rata mensile che si andrà a pagare. Tuttavia la rata mensile è frutto di una serie di parametri da […]

L’uso dei comparatori online facilita molto la vita di chi è in procinto di acquistare casa: chi simula un mutuo casa online può infatti confrontare le condizioni proposte da diverse banche e fare una proiezione della rata mensile che si andrà a pagare. Tuttavia la rata mensile è frutto di una serie di parametri da confrontare, che non vanno assolutamente sottovalutati.

Simula mutuo: non tutto oro quello che luccica

Chi simula un mutuo online deve inserire una serie di dati all’interno di un motore di ricerca, al fine di ottenere la comparazione richiesta. In genere questi parametri includono almeno l’importo, la durata e la finalità del mutuo. In alcuni casi viene richiesta da subito anche la preferenza tra tasso fisso e tasso variabile, in altri casi invece le due tipologie di tassi vengono messe a confronto in automatico.
Il primo dato a cui prestare attenzione in fase di simula mutuo è la durata del mutuo, perché questa è inversamente proporzionale all’importo della rata: maggiore è la durata, minore è la rata mensile. Quando facciamo una simulazione è quindi fondamentale inserire una data realistica e non troppo lunga, altrimenti l’importo della rata sarà falsato.

Simula mutuo: l’importanza del TAEG

Una volta ottenuti i risultati della ricerca, è meglio non farsi abbagliare dal mutuo con la rata più bassa, meglio piuttosto leggere con attenzione il preventivo per scoprire tutti i dettagli della proposta. In particolare il parametro più importante da considerare è il TAEG, che include il tasso di interesse ma anche tutte le spese accessorie correlate all’apertura del mutuo. Anche una differenza percentuale minima tra due TAEG può significare una discrepanza di migliaia di euro tra una proposta di mutuo e un’altra. Infine è opportuno verificare il livello di dettaglio del preventivo, che per essere realistico deve contenere una serie di informazioni quali: tasso, spread, spese di istruttoria, spese di incasso rata e garanzie richieste.

Continua a leggere

Articolo precedente
mutui casa
News

Mutui casa: chiarimenti Agenzia delle Entrate su esenzione imposte per categorie agevolate

Articolo successivo
mutuo 100% prima casa
News

Mutuo al 100% Prima Casa: Tutto quello che c’è da Sapere | Mutui per la Casa

Right Menu Icon