La BCE riduce il tasso ufficiale allo 0,25%. Ecco i mutui più convenienti

Per sostenere la ripresa economica, ancora anemica in alcuni Paesi di Eurolandia e minacciata da un euro troppo forte nei confronti delle altre valute, il consiglio direttivo della Bce ha tagliato di un quarto di punto il costo del denaro portandolo dallo 0,5 allo 0,25%, già al minimo storico. Hanno giocato in favore di un`ulteriore […]

Per sostenere la ripresa economica, ancora anemica in alcuni Paesi di Eurolandia e minacciata da un euro troppo forte nei confronti delle altre valute, il consiglio direttivo della Bce ha tagliato di un quarto di punto il costo del denaro portandolo dallo 0,5 allo 0,25%, già al minimo storico. Hanno giocato in favore di un`ulteriore sforbiciata al costo del denaro anche il livello dell`inflazione ben lontano dal tetto del 2% fissato dai parametri Ue e una deflazione che rischia di sfociare in stagnazione a causa della forza della moneta unica. Immediata la reazione sui mercati. 

Sui mutui casa lo scenario di novembre 2013 è il seguente

Mutui a Tasso Fisso -150.000 in 30 anni

  • Che Banca! 5,43%
  • BNL 5,45%
  • Deutsche Bank 5,56%

 

Mutui a Tasso Variabile -150.000 in 30 anni

  • Unicredit 2,72%
  • BNL 2,88%
  • Che Banca! 2,94%

 

Mutui a tasso Misto – fissi primi 5 anni e poi rinegoziabili – 150.000 in 30 anni

  • Unicredit 3,61%
  • ING Direct 4,44%

.

altre simulazioni clicca qui

.

Continua a leggere

Articolo precedente

Mutui di ristrutturazione. Che Banca! e Mediolanum a confronto.

Articolo successivo

Mutui Che Banca! ribassano lo spread sul tasso fisso.

Right Menu Icon