Mutui Che Banca! ribassano lo spread sul tasso fisso.

Che Banca! ribassa dal 7 Novembre 2013 gli spread sui mutui a tasso fisso e a tasso variabile del 15%. I nuovi spread infatti saranno del 2,79% sul tasso fisso fino a 30 anni e del  2,73% sul mutuo a rate variabili. Ecco le caratteristiche dell` offerta Mutuo a tasso fisso Rimane fisso per tutta […]

Che Banca! ribassa dal 7 Novembre 2013 gli spread sui mutui a tasso fisso e a tasso variabile del 15%. I nuovi spread infatti saranno del 2,79% sul tasso fisso fino a 30 anni e del  2,73% sul mutuo a rate variabili.

Ecco le caratteristiche dell` offerta

Mutuo a tasso fisso
Rimane fisso per tutta la durata del mutuo sia il tasso di interesse sia l’importo delle singole rate. Lo svantaggio è non poter sfruttare eventuali riduzioni dei tassi di mercato.Il tasso fisso è consigliabile a chi vuole essere certo, sin dal momento della firma del contratto, della misura del tasso, degli importi delle singole rate, e dell’ammontare complessivo del debito da restituire, indipendentemente dalle variazioni delle condizioni di mercato.
Mutuo a tasso variabile
Rispetto al tasso iniziale, il tasso di interesse può variare, con cadenze prestabilite, secondo l’andamento di uno o più parametri di indicizzazione fissati nel contratto. Il rischio principale è l’aumento imprevedibile e consistente dell’importo.Il tasso variabile è consigliabile a chi vuole un tasso sempre in linea con l’andamento del mercato e può sostenere eventuali aumenti dell’importo delle rate.
Finalità ammesse da Che Banca!
  • acquisto di immobili residenziali (prima e seconda casa);
  • surroga (il mutuatario può trasferire il suo mutuo presso CheBanca!, senza alcun addebito di penali o altri oneri di qualsiasi natura da parte dell’Istituto con cui il mutuo è in essere. Non sono a carico del mutuatario le spese d’istruttoria, di perizia, di accertamenti catastali e neppure gli oneri notarili per il trasferimento del mutuo);
  • rifinanziamenti di mutui ipotecari in essere (ovvero sostituzione di mutui in essere con contestuale erogazione di liquidità aggiuntiva);
  • ristrutturazione;
  • acquisto + ristrutturazione;
  • liquidità;
  • consolidamento debiti (permette di consolidare in un’unica rata la posizione debitoria del cliente; è prevista anche l’erogazione di liquidità aggiuntiva).
Garanzie richieste
CheBanca! chiede l’iscrizione di ipoteca di primo grado sugli immobili oggetto del mutuo, pari al 150% dell’importo finanziato. CheBanca! potrebbe chiedere ulteriori garanzie reali e/o personali.
Estinzione anticipata
Il cliente può estinguere anticipatamente in tutto o in parte il mutuo con un preavviso di almeno 30 giorni senza dover pagare alcuna penale, compenso od onere aggiuntivo. L’estinzione totale comporta la chiusura del rapporto contrattuale con la restituzione del capitale ancora dovuto – tutto insieme – prima della scadenza del mutuo.
Anche per i contratti di mutuo ipotecario stipulati per finalità diverse dall’acquisto o dalla ristrutturazione di immobili adibiti ad abitazione o allo svolgimento di attività economica o professionale, il cliente può estinguere anticipatamente in tutto o in parte senza dover pagare alcun compenso o penale.
Portabilità del mutuo
Nel caso in cui, per rimborsare il mutuo, ottenga un nuovo finanziamento da un’altra banca/intermediario, il cliente non deve sostenere neanche indirettamente alcun costo (ad esempio commissioni, spese, oneri o penali). Il nuovo contratto mantiene i diritti e le garanzie del vecchio.
Tempi massimi di chiusura del rapporto
In caso di richiesta di chiusura anticipata del rapporto, il tempo massimo previsto è di 30 giorni.

 

Continua a leggere

Articolo precedente

La BCE riduce il tasso ufficiale allo 0,25%. Ecco i mutui più convenienti

Articolo successivo

Che banca! si affida ai follower per creare l’App bancaria

Right Menu Icon