finanziamento istruttoria

Finanziamento in corso di istruttoria

Finanziamento in corso di istruttoria: cosa fare dopo la richiesta di mutuo e quanto tempo occorre per l’esito della banca sull’istanza. Criteri, tempi e spese.

La richiesta di finanziamento, ovvero la domanda, è il primo passo per ottenere un mutuo o un prestito. La concessione passa per una fase di verifica dei requisiti: quando si dice che il finanziamento è in corso di istruttoria significa appunto che la banca ha preso in carico la richiesta di finanziamento e sta controllando requisiti e garanzie prima di concedere l’importo richiesto.

Istruttoria finanziamento: cosa controlla la banca?

Più nello specifico dunque, durante la fase istruttoria la banca deve controllare che la situazione patrimoniale del richiedente sia sufficientemente solida per garantire il rientro del finanziamento erogato, nei tempi e con le modalità previste dal contratto di mutuo. La valutazione del rischio dell’operazione di prestito fa propendere l’ago della bilancia, a seconda dei casi, verso l’accettazione o il rifiuto della richiesta di finanziamento.

Finanziamento in corso di istruttoria: quali criteri di valutazione applicano la banca?

Se state aspettando l’esito di una richiesta per un finanziamento in corso di istruttoria, probabilmente sarete interessati a saperne di più ovvero a conoscere i criteri ai quali si affiderà l’istituto di credito e da cui dipenderà l’esito positivo o negativo dell’istanza.
Possiamo identificare tre parametri ricorrenti:

– Politica di rischio (detto anche credit scoring) del cliente che dipende dal suo profilo e si basa quindi su calcoli probabilistici;
– Livello di reddito e rapporto tra entrate e importo rata;
– Affidabilità creditizia rispetto ai dati forniti dalla Centrale Rischi.

Finanziamento in corso di istruttoria: quanto dura questa fase?

Quanto dura la fase di istruttoria di un finanziamento? Rispondere a questa domanda significa in pratica capire quanto tempo passa dalla domanda di mutuo alla concessione del credito (o al rigetto della richiesta di finanziamento in caso di esito negativo dell’istruttoria). E’ difficile dare riferimenti temporali esatti perché la durata della fase di istruttoria può variare in base al tipo di mutuo o alla banca a cui ci si rivolge. Il metodo più efficace per accelerare i tempi dell’istruttoria e aumentare le possibilità di esito positivo di accoglimento della domanda mutuo è quello di poter contare su un garante.

Spese di istruttoria sulla prima rata del finanziamento: calcolo e addebito

Va precisato che la fase di istruttoria di un finanziamento prevede degli oneri per gli istituti bancari che hanno anche un costo. Le spese di istruttoria vengono addebitate al cliente (motivo per il quale spesso la prima rata del mutuo è più alta). Se si tratta di mutuo casa le spese di istruttoria includono anche le spese notarili e le coperture obbligatorie incendio e scoppio. Alcune finanziarie o banche invece, soprattutto per importi maggiori, scelgono di diluire i costi su tutta la durata del finanziamento.

In linea generale comunque, aldilà della scelta sui tempi di restituzione delle spese istruttoria, va detto che le banche si stanno impegnando negli ultimi anni a mantenerle più basse possibile, in seguito anche agli inviti di Bankitalia in tema di trasparenza nei contratti di finanziamento. E’ bene comunque che il cliente abbia consapevolezza dei costi di istruttoria, sia al momento di richiesta del finanziamento (visto che non rientrano nell’80% del valore riconosciuto dalla banca) sia quando si mettono a confronto preventivi mutui di banche diverse che, in merito a questo aspetto, potrebbero avere politiche differenti.

Scrivo di mutui perché sogno di poterne fare uno. Adoro gli indovinelli; sai come si fa a tenere una persona sulle spine? Dopo te lo dico…

5/5 (5)

Valuta questo contenuto

Continua a leggere

Articolo precedente
simulazione mutuo tasso variabile
News

Simulazione mutuo tasso variabile: calcolo rata e contenimento rischi

Articolo successivo
mutui in aumento
News

Aumentano i mutui, diminuiscono le surroghe

Right Menu Icon