Da gennaio a ottobre crescono del 13% domande mutui

Gli italiani ricominciano a chiedere mutui per la casa, ma con prudenza.  Questa, in sintesi, la “diagnosi” di scaturita dalle domande raccolte in EURISC, il sistema di Informazioni Creditizie di CRIF. E’ un quadro articolato e, per certi versi, contraddittorio, quello che emerge. A ottobre le richieste di mutui per la casa sono cresciute del […]

Gli italiani ricominciano a chiedere mutui per la casa, ma con prudenza.  Questa, in sintesi, la “diagnosi” di scaturita dalle domande raccolte in EURISC, il sistema di Informazioni Creditizie di CRIF.
E’ un quadro articolato e, per certi versi, contraddittorio, quello che emerge. A ottobre le richieste di mutui per la casa sono cresciute del 22 % circa rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Si tratta peraltro dell’aumento più significativo rilevato dal 2009 a oggi.  Inoltre, mettendo a confronto il dato aggregato dei finanziamenti erogati nel periodo gennaio-ottobre 2014 con quello dei tre anni precedenti, i risultati sono ancora più significativi. Infatti, spiega CRIF, se rispetto al 2013  le domande di mutui per la casa hanno segnato +13%, l’incremento risulta più contenuto in confronto a due anni fa (+6,8%), e si rileva addirittura una drastica riduzione rispetto al 2011 (-39,5%). I dati sono da attribuire essenzialmente a due ragioni la corsa al ribasso degli spread da parte delle banche, e il boom della surroga, che attualmente “trainano” il mercato. 
CRIF stima inoltre l’importo medio richiesto intorno ai 124.000 euro, contro i 127.500 euro circa dei primi dieci mesi del 2013. Insomma, le famiglie faticano a recuperare la fiducia persa in tanti anni di crisi. Non è un caso, quindi, che i mutui per la casa in crescita siano quelli d’importo inferiore ai 75.000 euro (+1,5%), o compresi tra i 75.000 ed i 100.000 (+0,3%).
E il clima d’incertezza trova conferma analizzando il dato relativo alla durata dei finanziamenti: l’aumento più consistente è quello della fascia compresa tra 10 e 15 anni (+0,6%), a fronte della riduzione (-1,1%) di quelli tra i 25 e 30 anni che pure rappresentano la fetta maggiore del mercato (27,2%).
 
 
surroga-li-sceglie-un-italiano-su-due”>Boom mutui surroga, li sceglie un italiano su due
 
(25-11-2014)
 
Francesca Garrisi
 
 
Seguici su
 

Continua a leggere

Articolo precedente

I mutui on line più convenienti per acquisto seconda casa

Articolo successivo

Mutuo surroga, se scegli BNL tasso fisso sotto il 4%

Right Menu Icon