Mutui a 40 anni

Chi fa mutui a 40 anni commette un errore?

La durata media di un mutuo si aggira intorno ai 20/25 anni. Chi invece fa mutui fino a 40 anni ha delle buone ragioni per fare questa scelta, e non sono tante le banche che percorrono questa strada. Vediamo allora chi e perchè richiede un mutuo di una durata così lunga e quali banche sono […]

La durata media di un mutuo si aggira intorno ai 20/25 anni. Chi invece fa mutui fino a 40 anni ha delle buone ragioni per fare questa scelta, e non sono tante le banche che percorrono questa strada. Vediamo allora chi e perchè richiede un mutuo di una durata così lunga e quali banche sono disposte ad accenderlo in questi termini.

Perchè si richiede un mutuo a 40 anni

Chi richiede un mutuo a 40 anni lo fa principalmente per due motivi: da un lato pensa in questo modo di riuscire a ridurre l’importo delle rate mensili; dall’altro spera di potere in questo modo ottenere dalla banca un importo più elevato, magari superiore all’80% del valore dell’immobile. Purtroppo entrambi questi presupposti sono errati e portano ad effettuare una scelta poco conveniente per il mutuatario.

Per prima cosa infatti, la riduzione delle rate mensili superati i 30 anni di mutuo, non è così rilevante. Ad incidere notevolmente infatti sono gli interessi passivi, che chi fa mutui a 40 anni applica al massimo. Pertanto in realtà un mutuo di durata così lunga ha dei costi molto più alti degli altri mutui. Anche il secondo presupposto, per cui è possibile chiedere un importo più alto, è sbagliato, perchè i mutui a 40 anni seguono le stesse regole degli altri mutui e per chiedere un mutuo 100% servono delle caratteristiche specifiche, che non sempre chi chiede un mutuo a 40 anni possiede.

Mutui a 40 anni di Deutsche Bank

Chi fa mutui a 40 anni? Sono davvero poche le banche che accettano una durata così lunga, con il rischio che a finire di pagare debbano essere gli eredi. Eppure qualche banca concede ancora il mutuo a chi ha 40 anni, seppure a determinate condizioni. Una di queste è Deutsche Bank, che propone diverse soluzioni con durata fino a 40 anni, nessuna delle quali però, come era facilmente intuibile, include la possibilità di scegliere il tasso fisso.

Si può invece scegliere tra vari tipi di tasso misto oppure scegliere il tasso variabile BCE. Indubbiamente più interessanti sarebbero le prime soluzioni, in cui si può scegliere tra tasso misto rivedibile a 5 o 10 anni con partenza fisso o con partenza variabile. In nessun caso però l’importo del mutuo può superare l’80% del valore dell’immobile, a conferma di quanto dicevamo nel paragrafo precedente circa l’importo di un mutuo a 40 anni.

 

 

Da sempre appassionata di scrittura e alla continua ricerca di storie da raccontare. Mi affaccio al mondo dei mutui, argomento non sempre di facile comprensione per tutti, per aiutare chi è alla ricerca di informazioni utili. Non posso vivere senza: musica, amici e wafer 🙂

Continua a leggere

Articolo precedente
Mutui cambializzati
News

Accesso al credito: chi eroga mutui cambializzati?

Articolo successivo
Consulente per il credito
News

Chi è il mediatore creditizio per il mutuo

Right Menu Icon