casa per vacanze

Casa per le vacanze: dove acquistano gli italiani?

Gli italiani tornano ad apprezzare la casa per le vacanze di proprietà. Le domande per mutui seconda casa sono in aumento. Analisi del trend: spiegazione ed effetti.

Dopo un periodo di relativo calo, dovuto anche alla tassazione sugli immobili che ha scoraggiato l’acquisto di seconda casa, gli investimenti immobiliari tornano a salire. Non solo appartamenti da affittare in zone universitarie ma anche case vacanze di cui usufruire personalmente, insieme alla famiglia.

Casa per le vacanze: relax e investimento

In una vita che impone ritmi frenetici nel quotidiano, gli italiani tornano ad apprezzare l’idea di avere una casa per le vacanze di proprietà, che sia al mare, in montagna, in campagna o nel paese di origini. Piuttosto che andare ogni anno in posti diversi, si sceglie un luogo in cui fuggire dal caos della città, possibilmente che sia facile da raggiungere. Ad alimentare la ripresa del mercato ha contribuito anche la diffusione di piattaforme di sharing che permettono, nei periodi in cui non si usa personalmente la casa, di guadagnare qualcosa dall’affitto giornaliero della propria abitazione in modo facile e veloce. Se sei interessato ad acquistare una seconda casa al mare o in montagna, dai uno sguardo ai dati che seguono.

Seconda casa per le vacanze: dove e cosa comprano gli italiani

Un recente studio di Tecnocasa basato sulle domande di acquisto seconda casa del secondo trimestre 2018, ha analizzato le preferenze degli italiani sulle case vacanze: dove comprano, quale tipologia etc. L’analisi si concentra sui tipi di immobili e sull’identikit degli acquirenti. E’ risultato che la tipologia di appartamento che trova più spazio nel mercato delle case vacanze sono i trilocali (34,8% delle compravendite); seguono i bilocali (26,3%). La cosa non stupisce, trattandosi di case vacanza sono pensate soprattutto per le esigenze delle famiglie quindi, anche volendo accontentarsi in termini di rifiniture, le dimensioni devono essere adeguate. Monolocali come seconda casa sono più comuni nel centro di grandi città come Milano per uso investimento.

Mutuo e acquisto seconda casa: identikit del richiedente

Fatta questa premessa si comprende anche abbastanza facilmente perché l’età media di chi chiede il mutuo seconda casa o investe nel mattone in compravendite diverse dalla prima casa, ha un’età media compresa tra i 45 e i 54 anni (32,5% dei richiedenti). Solo il 18,3% ha meno di 45 anni (e comunque più di 35). Nel mezzo si piazzano i pensionati che da un lato potrebbero avere più difficoltà di accesso al mutuo (se over 70enni) ma che, qualora possiedano i requisiti, potrebbero essere interessati a comprare casa al paese d’origine, in montagna, al mare o in campagna per trascorrere la pensione in relax e senza stress.
Basti pensare che nel periodo compreso tra il 2015 e febbraio 2019, le richieste di mutuo seconda casa sono giunte al 6% del totale (partendo dal 5,2%)
Ad alimentare questo settore di mercato sono soprattutto coppie (50,4%) e famiglie (36,7%) mentre è bassa la percentuale di compravendite da parte di persone single (12,9%).

Da sempre appassionata di scrittura e alla continua ricerca di storie da raccontare. Mi affaccio al mondo dei mutui, argomento non sempre di facile comprensione per tutti, per aiutare chi è alla ricerca di informazioni utili. Non posso vivere senza: musica, amici e wafer 🙂

Ancora nessun voto.

Valuta questo contenuto

Continua a leggere

Articolo precedente
importo dei mutui
News

Aumenta l’importo dei mutui, richieste fino a 130.000 euro

Articolo successivo
vendere casa app
News

Comprare e vendere casa con lo smartphone: le migliori app

Right Menu Icon