Ristrutturare casa

Ristrutturare casa: modalità, costi, consigli utili

Quando si decide di ristrutturare casa bisogna tener conto di alcuni fattori importanti, sia che si tratti di ristrutturazione totale, parziale, di parti comuni o del proprio appartamento. Ecco allora alcuni consigli utili da tenere in considerazione quando si decide di ristrutturare un immobile. Il tipo di ristrutturazione Prima di tutto è fondamentale valutare l’entità […]

Quando si decide di ristrutturare casa bisogna tener conto di alcuni fattori importanti, sia che si tratti di ristrutturazione totale, parziale, di parti comuni o del proprio appartamento. Ecco allora alcuni consigli utili da tenere in considerazione quando si decide di ristrutturare un immobile.

Il tipo di ristrutturazione

Prima di tutto è fondamentale valutare l’entità del lavoro, cioè se la ristrutturazione della casa è totale o parziale. La ristrutturazione totale della casa riguarda l’edificio nella sua interezza e comporta cambiamenti evidenti in dimensioni e uso, con un costo decisamente più alto. Per tale motivo necessita di una concessione edilizia da parte del Comune. È bene in questo caso, prima di affidarsi a un’impresa, vagliare tutte le varie offerte, senza buttarsi su quella più economica e tenendo conto delle detrazioni che possono essere applicate alle spese di ristrutturazione. Con la legge di bilancio 2017 è stata prorogata fino al 31 dicembre 2017 la detrazione del 50% -fino a 96.000 euro di spesa- per le ristrutturazioni edilizie.

Oltre a ciò è possibile avere:
– Detrazione del 50% su una spesa massima di 10.000 euro per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici ad alta efficienza
– Detrazione del 65% per lavori su abitazioni che si trovano in zone sismiche ad alta pericolosità
– Detrazione del 65% per interventi di riqualificazione energetica su immobili a destinazione abitativa privata (es. pannelli solari, sostituzione impianti di climatizzazione, interventi sull’involucro dell’edificio)

Per usufruire della detrazione è sufficiente indicare nella dichiarazione dei redditi i dati catastali identificativi dell’immobile e, se i lavori sono effettuati dal detentore, gli estremi di registrazione dell’atto che ne costituisce titolo, oltre ai documenti indicati dall’Agenzia delle Entrate che variano a seconda del tipo di detrazione. Maggiori informazioni su procedimento e documenti necessari per la richiesta di detrazione si posso trovare sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

La ristrutturazione parziale della casa prevede un intervento mirato ad uno o più ambienti della casa o il rinnovamento di alcuni elementi come il pavimento, l’intonaco, interventi più specifici sugli impianti o lavori in giardino. In questo caso l’intervento è meno invasivo e sicuramente meno impattante dal punto di vista economico. Il vantaggio della ristrutturazione parziale è nella suddivisione in più anni dei costi e nel non uscire necessariamente dall’immobile durante i lavori.

Differenze tra ristrutturazione e manutenzione straordinaria e ordinaria

La manutenzione straordinaria include modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici senza modificarne volume, superficie o destinazione d’uso, come invece prevede la ristrutturazione edilizia. Possono rientrare in manutenzione straordinaria interventi su giardino o aree di servizio, ammodernamento impianto elettrico, trasformazione di un’unità in più unità immobiliari. Per ognuna di queste opere è necessaria l’autorizzazione edilizia rilasciata dal Comune, senza ulteriori spese.

La manutenzione ordinaria comprende opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e modifiche necessarie ad integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti, ad esempio serramenti interni, rinforzi su parti di muratura, rifacimenti di tetto e grondaie o sostituzione infissi. I proprietari sono gli unici responsabili del progetto.

Mutuo per ristrutturare casa

Chi necessita della liquidità per poter ristrutturare un immobile può richiedere un mutuo ristrutturazione casa, che può avere differenti modalità di erogazione: a inizio o fine lavori (in un’unica soluzione) oppure in più tranche erogate in corso d’opera. Si tratta di una soluzione più vantaggiosa rispetto al prestito personale, sia per il tasso d’interesse solitamente più basso e la possibilità di accedere ad un importo maggiore, sia per la durata del piano di ammortamento. Il mutuo ristrutturazione casa consente di ottenere un finanziamento fino all’80% del valore stimato dell’immobile al seguito degli interventi di ristrutturazione.

Gli impianti elettrico, idraulico e a gas

Indipendentemente dal tipo di ristrutturazione che si decide di attuare, è fondamentale prestare particolare attenzione ai lavori su impianto elettrico, impianto idraulico e riscaldamento.

In caso di ristrutturazione impianto elettrico, se la linea è nuova, bisognerà accertarsi risulti a norma di appartamento, sia che si tratti di un impianto ex novo (i fili elettrici devono presentare scatole di derivazione debitamente posizionate, con salvavita e interruttori magnetotermici per gli elettrodomestici), sia che si tratti di un impianto già esistente (l’impianto deve essere a norma, idoneità dei cavi e potenza dell’impianto devono essere verificati dall’elettricista).

Un discorso simile può essere valido anche quando c’è da fare intervento di ristrutturazione sull’impianto idraulico. Un cattivo stato di sicurezza può essere rappresentato, ad esempio, da uno scaldabagno a fiamma aperta o da interruttori non protetti da spruzzi d’acqua vicino ai lavandini. In genere in un appartamento mai ristrutturato i sanitari e la rubinetteria sono sempre da sostituire: un impianto idraulico, infatti, ha in media dai 15 ai 20 anni di durata.

Altresì per la ristrutturazione dell’impianto a gas le cose cambiano poco: se l’appartamento dispone di riscaldamento autonomo è fondamentale che tale impianto sia a norma (particolare attenzione alla condivisione della canna fumaria e alla curvatura dei tubi). La caldaia termo autonoma è più rischiosa rispetto al sistema centralizzato, nonostante sia preferita dalla maggior parte delle persone. Il riscaldamento centralizzato, essendo gestito direttamente dall’impresa elettrica, è molto più facile che risulti a norma di sicurezza.

Scegliere bene a chi affidare i lavori

Ruolo fondamentale nella ristrutturazione di un immobile è rappresentato da ditte o impresari che prendono in carico i lavori. Oggi esistono svariate imprese di professionisti del settore che offrono servizi completi per gli interventi di manutenzione, sia che si tratti di lavori sull’edilizia o sugli impianti, sia che si tratti semplicemente di piccoli lavori quotidiani.

Per questo tipo di esigenza sono nati dei veri e propri portali di consultazione che consentono di ottenere un elenco di professionisti che operano sul territorio specializzati in ogni settore. Un sito per trovare aziende che fanno lavori di ristrutturazione è unaiutoincasa.com, aggregatore con più di 100.000 imprese di tutta Italia che operano nel settore dell’edilizia, che consente di consultare i vari servizi offerti, valutarli e confrontarne i preventivi. La navigazione è studiata in modo molto semplice: l’utente può inserire nei parametri la città e il tipo di intervento e subito ha accesso ad una lista di nomi, indirizzi e numeri di telefono di idraulici, muratori, imprese di ristrutturazione e tanto altro ancora. Il portale non si rivolge soltanto a chi ha in programma di ristrutturare casa ma anche a tutti coloro che devono fare dei lavori domestici di piccola portata e che non sanno a chi rivolgersi.

Il plus, in questo caso, è rappresentato dalle recensioni degli utenti: chi ha contattato un impresario può lasciare la sua recensione sul sito, così come avviene per i ristoranti o gli hotel, con informazioni utili sul lavoro svolto e dettagli in più che un committente privato solitamente non precisa prima. Inoltre, grazie alla richiesta anticipata del preventivo, è possibile confrontare le varie proposte delle imprese e scegliere quella più adatta alle proprie esigenze.

Da sempre appassionata di scrittura e alla continua ricerca di storie da raccontare. Mi affaccio al mondo dei mutui, argomento non sempre di facile comprensione per tutti, per aiutare chi è alla ricerca di informazioni utili. Non posso vivere senza: musica, amici e wafer 🙂

Continua a leggere

Articolo precedente
donazione immobili ai figli
News

Donazione immobili ai figli: conviene davvero?

Articolo successivo
ricontrattare mutuo
News

Ricontrattare il mutuo: un modo veloce per risparmiare

Right Menu Icon