prestito-ristrutturazione

Prestito ristrutturazione: una soluzione per i lavori in casa

Fare i lavori in casa non è cosa semplice, soprattutto se si tiene conto di tutta la serie di spese che comportano, a seconda degli interventi da fare. Vediamo come e quando chiedere un finanziamento per mutuo o prestito ristrutturazione.

Abbiamo affrontato già in passato l’argomento per capire come è possibile ricevere delle agevolazioni fiscali da parte dello Stato, definendo condizioni necessarie e tipologie di detrazione a seconda dell’entità dell’intervento. Ma vediamo ora come e quando chiedere un finanziamento per mutuo o prestito ristrutturazione.

Ristrutturazione e manutenzione

Ristrutturare casa vuol dire ottimizzare la propria abitazione effettuando degli interventi fisici per abbellire l’aspetto oppure per migliorare il funzionamento degli impianti interni ed esterni, che comportano una spesa. A seconda dell’entità di questi lavori sono state individuate tre tipologie di interventi: manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, ristrutturazione con grandi opere.

La distinzione principale tra manutenzione e ristrutturazione riguarda proprio l’entità dell’intervento: se le piccole opere non necessitano di autorizzazioni da parte del Comune, le grandi opere invece prevedono una concessione e quindi il versamento di una tassa che dipende dalla grandezza dell’edificio sul quale verranno effettuati i lavori.

Nello specifico:
Manutenzione ordinaria: interventi che riguardano parti limitate dell’edificio o che vannno a migliorarne la funzionalità senza cambiare l’aspetto esterno o l’ingombro precedente.
Manutenzione straordinaria: consolidamento, rinnovamento o sostituzione di parti della struttura senza, anche in questo caso, modificare completamente la forma dell’edificio
Ristrutturazione con grandi opere: interventi che riguardano l’interezza dell’edificio, dall’ampliamento

Quando e come chiedere un prestito ristrutturazione

Per qualsiasi tipo di intervento è possibile richiedere alla banca un prestito ristrutturazione, cioè un finanziamento apposito per poter compiere tutti i lavori necessari al fine di migliorare l’aspetto estetico e funzionale dell’immobile. Attenzione a non confondere il mutuo ristrutturazione con il prestito ristrutturazione.

Nel primo caso è possibile ottenere dalla banca un finanziamento fino all’80% del valore stimato dell’immobile, erogato con differenti modalità (inizio, fine, in corso) e sono previste delle agevolazioni nel caso i lavori rientrino nelle tipologie che prevedono delle detrazioni fiscali.

Nel caso del prestito ristrutturazione è possibile ricevere un finanziamento in liquidità dalla banca senza però far intervenire un notaio. Si tratta di ricevere dalla banca la liquidità necessaria senza iscrivere l’ipoteca sull’immobile da ristrutturare.

Differenze tra mutuo e prestito ristrutturazione

Richiedere un mutuo per fare dei lavori di ristrutturazione al proprio immobile richiede del tempo e dei requisiti ma è sicuramente più conveniente per le spese che si andranno a sostenere. Infatti, in questo caso, ruolo fondamentale lo giocano gli interessi che variano a seconda dell’entità del finanziamento e della durata.

In caso di mutuo ristrutturazione il tasso di interesse è più basso e la durata del piano di ammortamento è più ampia, per questi motivi risulta più conveniente come scelta. In questo caso è possibile restituire la somma in una soluzione unica (solitamente per le piccole opere) oppure in SAL -Stato Avanzamento Lavori- (per grandi opere o cifre superiori ai 70.000 euro)

In caso di prestito ristrutturazione i tempi si accorciano e la restituzione avviene a seconda delle esigenze del richiedente, ma gli interessi sono più alti (i migliori si aggirano intorno ad un taeg dell’8%) e la somma che si può richiedere è più bassa rispetto al mutuo.

In entrambi i casi è fondamentale la cifra che si intende richiedere: tenendo conto del costo del notaio di circa 10.000 euro, ha più senso chiedere un prestito ristrutturazione nel caso si necessiti di una cifra inferiore ai 50.000 euro. In caso di cifra superiore è consigliato rivolgersi ad una banca per ricevere un mutuo.

Da sempre appassionata di scrittura e alla continua ricerca di storie da raccontare. Mi affaccio al mondo dei mutui, argomento non sempre di facile comprensione per tutti, per aiutare chi è alla ricerca di informazioni utili. Non posso vivere senza: musica, amici e wafer 🙂

5/5 (2)

Valuta questo contenuto

Continua a leggere

Articolo precedente
Offerte luce
News

Prima casa: risparmiare con le offerte luce

Articolo successivo
Casa mutui: mutuo prima casa
News

Due cuori innamorati e un mutuo prima casa

Right Menu Icon