Novità mutui Inpdap da Ottobre.

Il mutuo Inpdap a partire dal 1° ottobre scorso ha introdotto interessanti novità per quanto riguarda i mutui ipotecari ed i prestiti per i dipendenti e pensionati Inpdap appartenenti alla pubblica amministrazione. Oltre alle condizioni, evidentemente molto vantaggiose rispetto a quelle offerte dal mercato del credito, a partire da questo mese l’Inpdap ha introdotto un […]

Il mutuo Inpdap a partire dal 1° ottobre scorso ha introdotto interessanti novità per quanto riguarda i mutui ipotecari ed i prestiti per i dipendenti e pensionati Inpdap appartenenti alla pubblica amministrazione. Oltre alle condizioni, evidentemente molto vantaggiose rispetto a quelle offerte dal mercato del credito, a partire da questo mese l’Inpdap ha introdotto un nuovo regolamento per le richieste di mutui destinati all’acquisto della prima casa.
Innanzitutto, sono state semplificate le procedure per la richiesta e sono stati reintrodotti i finanziamenti quadriennali, mentre per quelli con durata pari a 36 mesi, è stata abolita la soglia degli 8 mila euro, quale importo massimo erogabile.
 
Molto importante diventa la novità da parte dei figli dei dipendenti pubblici, con nucleo familiare diverso da quello dei genitori, di poter richiedere un mutuo acquisto, usufruendo delle medesime condizioni vantaggiose dei propri genitori dipendenti o pensionati pubblici.
Ma sicuramente la novità più importante è l’introduzione, da parte dell’Inpdap, della sospensione del mutuo e del rifinanziamento dello stesso, qualora si verifichino particolari condizioni di difficoltà economica da parte del mutuatario.
Maggiori informazioni in merito ai prestiti e mutui Inpdap sono reperibili sul sito –>

Continua a leggere

Articolo precedente

ING Direct punta sul mobile e social per aumentare i clienti in Italia

Articolo successivo

Il modello Banca da ripensare!

Right Menu Icon