mutuo liquidità pro e contro

Mutui liquidità: pro e contro

Prestito o mutuo liquidità? A seconda delle esigenze è possibile scegliere una di queste due strade per avere del credito extra. Vediamo insieme quali sono i pro e i contro del mutuo liquidità e quando conviene scegliere il prestito.

Il mutuo liquidità è una forma di finanziamento erogata dalle banche che può essere richiesta senza dare alcuna spiegazione su come verrà utilizzata la somma concessa. Questa tipologia di finanziamento può essere richiesta da chi possiede un immobile non gravato da ipoteca e che quindi può dare garanzia per ricevere una cifra importante, per un valore fino al 70% del valore dell’immobile e un massimale di 500.000€, senza dover dichiarare alla banca il motivo per il quale sta richiedendo tale credito. Infatti, il mutuo liquidità può essere necessario per coprire spese impreviste ed è molto importante valutare bene che cifra si andrà a richiedere, a volte può risultare più conveniente un semplice prestito. Il prestito infatti è più veloce da erogare e richiede meno documentazione e garanzie ma è riservato a chi ha bisogno di cifre più basse. Il mutuo liquidità può durare fino a 40 anni.

Rispetto ad un normale prestito personale ha dei vantaggi, ma anche alcune controindicazioni. Vediamo insieme i mutuo liquidità pro e contro.

I vantaggi del mutuo liquidità

– i mutui liquidità godono di tassi di interessi più vantaggiosi dei prestiti personali, tuttavia sempre meno convenienti di altre forme di mutuo;

– si possono richiedere somme più elevate, rispetto agli importi dei prestiti personali, che in genere possono arrivare fino a 30.000 euro;

– la durata è più lunga, visto che un mutuo liquidità può essere rimborsato con rate mensili anche per 40 anni.

Le controindicazioni del mutuo liquidità

– Per ottenere questo tipo di finanziamento, è necessario mettere in garanzia un proprio immobile, sul quale non deve gravare alcuna ipoteca;

– l’accesso al mutuo è più difficoltoso di un prestito, che può essere erogato anche il 24 ore;

– la somma erogata dipende dal valore dell`immobile e dalle capacità di rimborso del mutuatario: un dipendente puà richiedere fino al 70% del valore dell`immobile, un libero professionista fino al 50%.

Da sempre appassionata di scrittura e alla continua ricerca di storie da raccontare. Mi affaccio al mondo dei mutui, argomento non sempre di facile comprensione per tutti, per aiutare chi è alla ricerca di informazioni utili. Non posso vivere senza: musica, amici e wafer 🙂

4/5 (1)

Valuta questo contenuto

Continua a leggere

Articolo precedente
comprare casa negli stati uniti
News

Comprare casa negli Stati Uniti: a New York prezzi in calo del 20%

Articolo successivo
reddito di cittadinanza
News

Reddito di cittadinanza: tutto quello che c’è da sapere su casa, mutuo e affitto

Right Menu Icon