mutuo completamento costruzione

Come ottenere il mutuo completamento costruzione per i lavori di ristrutturazione casa

Il mutuo completamento costruzione permette di finanziare i lavori di ristrutturazione di una casa da portare a termine. Finanziamenti per grandi opere edilizie.

Oggi analizziamo un tipo particolare di finanziamento che non tutti conoscono e che invece, in determinate circostanze, può essere molto utile: il mutuo completamento costruzione. Di che cosa si tratta, come funziona e chi può richiederlo? Ecco tutto quello che c’è da sapere quando il mutuo non serve per l’acquisto di casa ma per finanziare i lavori.

Quando può essere utile chiedere il mutuo completamento costruzione

Ipotizziamo che si trovi un ottimo affare immobiliare per un rudere da ristrutturare. Come calcolare quanti soldi occorrono per renderlo abitabile? Molto di frequente, soprattutto se non si è esperti di lavori edili, in questi casi si può sottovalutare il costo dei lavori di ristrutturazione. E chi cade in questo errore si trova senza liquidità e senza immobile a disposizione di cui poter godere. Cosa fare? Il mutuo completamento costruzione consente di ottenere fino all’80% del valore della casa a termine opere (si intende il valore commerciale dell’immobile).

Mutui lavori casa: preventivi, interessi ed erogazione

Pur non essendo un mutuo acquisto casa, di solito le banche offrono preventivi convenienti per questo tipo di mutui per i lavori perché in ogni caso sussiste la garanzia ipotecaria (anche se si tratta di un immobile che necessita migliorie). Si possono trovare offerte di mutui completamento costruzione per prima casa o per seconda. Di norma il cliente può scegliere tra il tasso fisso, variabile o misto in base alle proprie preferenze o alle offerte sui mutui per avanzamento stato lavori.

Come suggerisce anche il nome, la particolarità nell’erogazione dei mutui completamento lavori è che il capitale riconosciuto non viene corrisposto in una soluzione unica al momento della firma del contratto di mutuo ma con scadenze che seguono l’avanzamento dei lavori. Di norma metà all’inizio e l’altra metà dopo che è stato realizzato almeno il 50% dei lavori.

Lavori casa: come preventivare i costi e scegliere il mutuo giusto

Preventivare i costi dei lavori di ristrutturazione non è semplice per i non addetti ai lavori e soprattutto per grandi opere che durano nel tempo.
Uno degli errori che spesso si fa nelle fasi iniziali di progettazione è quello di considerare i costi al netto e non al lordo. In quest’ottica è utile sapere quali voci rientrano nell’IVA agevolata lavori casa al 10%. La fattura emessa dal prestatore che realizza gli interventi di recupero agevolato deve specificare, oltre al servizio oggetto della prestazione, i beni di valore significativo determinati sulla base dell’autonomia funzionale delle parti staccate rispetto al manufatto principale.

Va detto in questa analisi che comunque parte dei soldi spesi per i lavori di ristrutturazione può essere recuperato nella dichiarazione dei redditi dell’anno successivo (quindi riferita ovviamente al periodo di imposta in cui sono state fatte le spese), qualora ne ricorrano i requisiti, attraverso la domanda per i bonus casa (bonus ristrutturazione, eco bonus, bonus mobili e il nuovo bonus verde).

Da sempre appassionata di scrittura e alla continua ricerca di storie da raccontare. Mi affaccio al mondo dei mutui, argomento non sempre di facile comprensione per tutti, per aiutare chi è alla ricerca di informazioni utili. Non posso vivere senza: musica, amici e wafer 🙂

4.5/5 (2)

Valuta questo contenuto

Continua a leggere

Articolo precedente
Acquisto casa affittata
News

Acquisto prima casa: cosa succede se è già affittata?

Articolo successivo
mercato immobiliare situazione
News

Mercato immobiliare: bene le vendite ma prezzi fiacchi

Right Menu Icon