Banca Centrale Europea

Cos’è la BCE?

La BCE è la Banca Centrale Europea e governa nei 19 stati membri dell’unione Europea che hanno aderito alla moneta unica e ha come obiettivo mantenere la stabilità dei prezzi e preservare il potere d’acquisto dell’Euro.

La Banca Centrale Europea (BCE) governa nei 19 stati membri dell’unione Europea che hanno aderito alla moneta unica, la cosiddetta zona Euro, e definisce la politica monetaria ed economica con l’obiettivo di mantenere la stabilità dei prezzi e preservare il potere d’acquisto dell’Euro.

La decisione di creare la BCE è nata dalla necessità di realizzare in Europa l’unione economica e monetaria: per questa ragione, a partire dal 1° giugno 1998, l’istituto opera al fine di permettere
• la libera circolazione di capitali
• accentrare l’autorità monetaria comune
• gestire la politica monetaria unica per i paesi dell’area euro

Da chi è composta la BCE?

La Banca Centrale Europea è composta da un Comitato Esecutivo, un Consiglio Direttivo ed uno Generale. In particolare:

Il Comitato Esecutivo è composto da 6 figure, elette ogni 8 anni dal Consiglio Europeo, che hanno il compito di far si che le Banche Centrali Nazionali rispettino le leggi emanate dal Consiglio Direttivo circa la politica monetaria. Quest’organo è composto da:
• il presidente della BCE, attualmente ricoperto dall’economista italiano Mario Draghi
• il vicepresidente della BCE, che fino a giugno 2018 sarà Vítor Constâncio
• altri 4 membri eletti dal consiglio europeo a maggioranza qualificata.

Il Consiglio Direttivo è l’organo decisionale più importante della BCE. Esso è composto dai 6 membri del comitato esecutivo e dai 19 governatori delle banche centrali nazionali (BCN), appartenenti alla zona euro. Il suo compito è quello di stabilire la politica monetaria per i paesi dell’Eurozona, considerando tra gli altri, i tassi di interesse e gli obiettivi monetari.

Per ultimo, il Consiglio Generale è composto dai governatori delle BCN dei 28 Paesi membri dell’Unione Europea, ovvero sia dai governatori dei 19 Stati appartenenti all’Eurozona, sia dai rappresentanti dei 9 paesi dell’UE che hanno deciso di non adottare l’Euro come moneta nazionale. L’organo è coordinato dal Presidente e dal Vicepresidente della BCE.

Il compito del Consiglio Generale si trova in secondo piano rispetto a quelli degli altri due sopra citati. Esso, infatti, prevede doveri principalmente burocratici, quali per esempio la stesura dei contratti per i dipendenti della BCE, la raccolta di informazioni statistiche e la redazione del rapporto annuale e la stesura delle disposizioni fondamentali affinché l’operato delle BCN possa essere uniformato.

L’obiettivo primario è la gestione dell’euro, assunto come moneta unica a partire dal 1° gennaio 1999: il compito principale dell’istituto è quello di mantenere la stabilità dei prezzi in modo da poter preservare il potere d’acquisto della moneta unica. Oltre a ciò, la BCE si occupa dell’attuazione di una politica economica e monetaria nell’UE.

BCE e inflazione

Che relazione c’è fra BCE e mutui? Per comprendere meglio il nesso fra la banca centrale europea ed i tassi sui mutui, bisogna approfondire il tema dell’amministrazione delle politiche monetarie: infatti, per gestire l’euro è necessario che la BCE tenga costantemente sotto controllo il costo del denaro, ovvero l’ammontare del tasso d’interesse del denaro prestato alle banche.

La BCE si prefigge lo scopo di mantenere il tasso d’inflazione al 2% su un orizzonte di medio periodo. Secondo quanto riportato dallo stesso Draghi, sembra che il rischio di deflazione sia quasi nullo ma è importante non sottovalutare il lento incremento delle retribuzioni ed il consistente ammontare del debito pubblico.

Per queste ragioni, la BCE consiglia ai futuri governi di non concentrarsi tanto sulla composizione delle entrate e delle spese pubbliche favorevole alla crescita, quanto sulla necessità costruire dei “cuscinetti fiscali”, che siano in grado di proteggere i cittadini nei momenti di difficoltà.

Bionda, innamorata della vita e intraprendente. Sogno di vedere cosa c’è oltre l’arcobaleno, ma ogni volta che mi allontano mi rendo conto che nessun posto è bello come casa mia. Scrivo di mutui per aiutare i lettori a trovare la formula perfetta per acquistare la casa dei sogni.

5/5 (3)

Valuta questo contenuto

Continua a leggere

Articolo precedente
Bonus casa 2018
News

Il Bonus Casa 2018

Articolo successivo
Acquisto seconda casa
News

Acquisto seconda casa: un investimento per il turismo

Right Menu Icon