compromesso con clausola sospensiva mutuo

Compromesso con clausola sospensiva mutuo: come funziona

Esiste la possibilità di scrivere un compromesso con clausola sospensiva mutuo, con l’obiettivo di tutelare l’acquirente dall’eventuale insorgere di problematiche legate alla mancata accettazione del mutuo da parte della banca. Vediamo esattamente come funziona e cosa bisogna scrivere nel compromesso per essere maggiormente tutelati. Il contratto preliminare di vendita e la condizione sospensiva Il preliminare […]

Esiste la possibilità di scrivere un compromesso con clausola sospensiva mutuo, con l’obiettivo di tutelare l’acquirente dall’eventuale insorgere di problematiche legate alla mancata accettazione del mutuo da parte della banca. Vediamo esattamente come funziona e cosa bisogna scrivere nel compromesso per essere maggiormente tutelati.

Il contratto preliminare di vendita e la condizione sospensiva

Il preliminare di vendita, detto anche compromesso, è un contratto tra un acquirente e un venditore che obbliga le due parti a stipulare il contratto definitivo di compravendita. Molto spesso però si rende necessario inserire delle clausole che annullino il valore di tale contratto, qualora l’evento a cui si riferiscono non si avveri. Il caso più emblematico è l’aggiunta della dicitura “salvo buon fine del mutuo“. Cosa significa? E’ molto semplice: vuol dire che il contratto si considera valido solo se la banca concede il mutuo all’acquirente. In caso contrario, quest’ultimo non è obbligato in nessun modo ad acquistare l’immobile. Altra ipotesi è se chi compra deve a sua volta vendere prima un altro immobile di sua proprietà; in quel caso, potrebbe richiedere di inserire nel contratto di compravendita una clausola sospensiva riferita proprio a questo avvenimento: in sostanza l’acquirente si impegna a comprare la casa solo a seguito della vendita del proprio.

Il compromesso con clausola sospensiva mutuo è quindi una forma di tutela per chi compra, ma anche per chi vende, perchè se si avvera l’evento a cui la condizione sospensiva fa riferimento, può avere la certezza (o quasi) che all’atto del rogito non emergeranno altre problematiche.

I rischi della clausola sospensiva

E’ chiaro che questa condizione inserita nel contratto di compravendita favorisce l’acquirente più che il venditore, che non vede di buon occhio la possibilità che la vendita salti per colpa di un mutuo non concesso o di un’altra casa non venduta. Anche gli agenti immobiliari cercano di scoraggiare l’inserimento di queste clausole sospensive, ma a volte non è possibile evitarle. Il rischio è che l’acquirente non firmi affatto il contratto, se non si accettano le condizioni da lui richieste. Per questo motivo, tra i due mali, l’agente immobiliare sceglie quello minore, preferendo vincolare il contratto, ma cercando di verificare quanto più possibile che l’evento a cui si riferisce il vincolo sia effettivamente realizzabile.

Da sempre appassionata di scrittura e alla continua ricerca di storie da raccontare. Mi affaccio al mondo dei mutui, argomento non sempre di facile comprensione per tutti, per aiutare chi è alla ricerca di informazioni utili. Non posso vivere senza: musica, amici e wafer 🙂

Continua a leggere

Articolo precedente
Calcolare cessione del quinto
News

Calcolare il debito residuo di una cessione del quinto: ecco come si fa

Articolo successivo
Detrazione spese notaio
News

Come scaricare la fattura del notaio per mutuo detraibile

Right Menu Icon