Compravendita, la durata media è sei mesi. Aumentano gli acquisti prima casa

Scendono le quotazioni degli immobili: la prima parte dell’anno ha visto infatti una contrazione del 3% nelle grandi città, a fronte del 3,4% del relativo hinterland e del 3,1% dei capoluoghi di provincia.     Analizzando in dettaglio i singoli settori del mercato abitativo, la maggior parte delle compravendite ha per oggetto l’abitazione principale (78,3%), […]

Scendono le quotazioni degli immobili: la prima parte dell’anno ha visto infatti una contrazione del 3% nelle grandi città, a fronte del 3,4% del relativo hinterland e del 3,1% dei capoluoghi di provincia.  
 
Analizzando in dettaglio i singoli settori del mercato abitativo, la maggior parte delle compravendite ha per oggetto l’abitazione principale (78,3%), molto più contenuto l’acquisto a fini d’investimento (16,3%) e quello di case per le vacanze (5,4%). A stilare la “classifica” è il Gruppo Tecnocasa attraverso le sue agenzie.  Si riducono inoltre, anche se di poco, i tempi necessari a perfezionare la compravendita: nel mese di luglio scorso infatti si sono stabilizzati intorno ai 172 giorni nelle grandi città, 196 nel relativo hinterland e 187 nei capoluoghi di provincia. 
 
Scendono anche i canoni di locazione, che nei principali centri vedono una riduzione di circa 2 punti percentuali per monolocali (1,8%) e trilocali (1,7%) e dell’1,5% per i bilocali. La tipologia contrattuale più diffusa è a canone libero, ma cresce il ricorso al canone concordato. 
 
Per il 2014 si ipotizza un aumento del numero complessivo di transazioni (nello specifico, tra 420 e 430 mila compravendite), e un calo dei prezzi compreso tra il 5% e il 3% nelle grandi città, e tra il 4 e il 6% nei piccoli e medi centri. 
 
(25-09-2014)
 
Francesca Garrisi
 
Seguici su
 

Continua a leggere

Articolo precedente

Ristrutturazioni, ecco il mutuo Bcc con tasso fisso al 2%

Articolo successivo

Sospensione rata mutuo: chi può richiederla?

Right Menu Icon