Bce lancia il Quantitative Easing. Cosa cambia per chi ha ha un mutuo o vuole richiederlo?

Lo scorso 22 gennaio  Mario Draghi ha annunciato il Quantitative Easing (letteralmente, alleggerimento quantitativo), che prevede l’’acquisto di titoli di Stato, da finanziare stampando nuova moneta. L’’obiettivo di questo allentamento monetario è rilanciare l’’economia (non a caso il QE viene anche chiamato “stimolo”). E tra i settori che potrebbero ottenere i maggiori benefici c’’è il […]

Lo scorso 22 gennaio  Mario Draghi ha annunciato il Quantitative Easing (letteralmente, alleggerimento quantitativo), che prevede l’’acquisto di titoli di Stato, da finanziare stampando nuova moneta. L’’obiettivo di questo allentamento monetario è rilanciare l’’economia (non a caso il QE viene anche chiamato “stimolo”). E tra i settori che potrebbero ottenere i maggiori benefici c’’è il mercato immobiliare. Vediamo perché.
La vendita dei titoli  aumenterà la liquidità a disposizione delle banche  con un duplice effetto
  • favorire l’’accesso al credito da parte di privati e aziende
  • diminuire il costo del denaro alleggerendo le spese di chi ha un mutuo in corso

A dimostrazione delle grandi aspettative che circondano il Quantitative Easing, arrivano le dichiarazioni di Patuelli. Il presidente dell’’ABI ha infatti sottolineato che, mai come ora, ci sono tutte le condizioni per ripartire.

 

(28-01-2015)
Francesca Garrisi
Seguici su

Continua a leggere

Articolo precedente

Mutui on line, zero spese istruttorie e tassi scontati con Hello! Home

Articolo successivo

Diamo Credito: nuovi sconti sul tasso fisso BNL Spensierato

Right Menu Icon