applicazioni gratuite

Applicazioni gratuite terremoto: rilevazione e prevenzione a portata di smartphone

Esistono applicazioni gratuite in grado di percepire l’arrivo di una scossa sismica? La prevenzione dei terremoti è un tema purtroppo sempre più attuale anche alla luce degli ultimissimi episodi che hanno interessato il centro Italia nelle scorse ore. Non stupisce che in campo IT si stia cercando di trovare soluzioni proprio in quest’ottica: diversi sono […]

Esistono applicazioni gratuite in grado di percepire l’arrivo di una scossa sismica? La prevenzione dei terremoti è un tema purtroppo sempre più attuale anche alla luce degli ultimissimi episodi che hanno interessato il centro Italia nelle scorse ore. Non stupisce che in campo IT si stia cercando di trovare soluzioni proprio in quest’ottica: diversi sono i progetti di applicazioni, gratuite o a pagamento, per rilevare le scosse sismiche e dare il tempo alle persone di mettersi in salvo evitando danni.

Applicazioni gratuite terremoto: MyShake

MyShake permette di usare lo smartphone come rete sismica (anche se non ha l’ambizione di rimpiazzare le reti sismiche nazionali, che restano strumenti più puntuali e affidabili). Al momento questa app, ideata in California, è disponibile per dispositivi Android ma a breve sarà scaricabile anche sui sistemi iOS. Senza entrare troppo nel tecnico, MyShake funziona usando un accelerometro, di cui oggi sono dotati quasi tutti gli smartphone moderni. In pratica, ogni qual volta che il dispositivo distingue le normali attività dell’utente dai sussulti causati da un terremoto, funge come una specie di sismometro. Un algoritmo analizza i dati in arrivo dai diversi telefoni per distinguere vibrazioni dovute a fenomeni di tipo differente in modo da ridurre o eliminare i falsi allarmi. Ad oggi questa app si è dimostrata molto precisa per terremoti di magnitudo 5 o superiore.

Terremoto: tra le applicazioni gratuite anche un progetto made in Italy

La risposta italiana del progetto si chiama Earthquake Network, messo in piedi in maniera autonoma dal ricercatore bergamasco Francesco Finazzi. Anche in questo caso il funzionamento si basa su accelerometro e segnale GPS. La cosa che stupisce è che l’app gratuita è stata scaricata da più di un milione e duecentomila utenti, soprattutto in Sudamerica ma di questi download solo il 5% interessa utenti italiani. Possibile che ci sia ancora così poca sensibilizzazione alla prevenzione? Eppure purtroppo sappiamo bene che i terremoti in Italia sono un problema attuale che impone politiche di interventi e assistenza economica e di ricostruzione.

Continua a leggere

Articolo precedente
surroga mutuo inpdap
News

Surroga mutuo Inpdap: così si ottiene liquidità in tempi brevi

Articolo successivo
surroga mutui tasso fisso
News

Surroga mutui: tasso fisso il più richiesto anche nel 2017?

Right Menu Icon