Tanti immobili acquistati, senza i mutui.

Gli investimenti immobiliari sono stati, da sempre, i prediletti dalle famiglie italiane, tra le quali il 75% è proprietario, quanto meno, dell`abitazione di residenza. Ma nel periodo storico economico che il nostro Paese sta attraversando, è stata registrata la tendenza ad acquistare immobili senza il ricorso a mutui o a prestiti da parte delle Banche. […]

Gli investimenti immobiliari sono stati, da sempre, i prediletti dalle famiglie italiane, tra le quali il 75% è proprietario, quanto meno, dell`abitazione di residenza.

Ma nel periodo storico economico che il nostro Paese sta attraversando, è stata registrata la tendenza ad acquistare immobili senza il ricorso a mutui o a prestiti da parte delle Banche.

Nell`anno 2012 l`ammontare dei mutui residenziali richiesti era pari a 343miliardi di euro, come registrato da EMF (European Mortgage Federation) e AFME (Association for Financial Markets in Europe).

Il confronto con altri Paesi fa riflettere molto se si pensa che, l`ammontare complessivo dei mutui residenziali in Italia equivale circa alla metà della consistenza dei mutui in Olanda ed in Spagna, ad un terzo di quelli francesi, nonchè un quarto ed un quinto rispettivamente in Germania e nel Regno Unito.

Volgendo lo sguardo ad un altro segmento di mercato, ossia la cartolarizzazione dei mutui residenziali emessi dalle Banche, l`ammontare in Italia è pari a 98,3 miliardi di euro, vale a dire il 28,7%di controvalore di tutti i mutui residenziali,, percentuale molto più  alta rispetto a Paesi quali la Francia, la Germania e la Gran Bretannia che non superano il 20%, ma che rimane inferiore di gran lunga al 41,2% del Belgio, il 41,3% dell`Olanda ed al 40,4% dell`Irlanda.

 

Alessandra Santonocito

consulente mutuiperlacasa.

Continua a leggere

Articolo precedente

Mutui Giovani Coppie: nuovo Decreto agevolazioni per gli under 35

Articolo successivo

Evasori? Attenti al redditometro.

Right Menu Icon