Ristrutturazione, arriva Mutuo Mediolanum Riparti Italia con tasso al 2,10%

La casa è il bene rifugio per eccellenza. Così, chi decide di ristrutturarla o rimodernarla può beneficiare di una serie di agevolazioni fiscali, e scegliere tra i mutui più vantaggiosi presenti sul mercato quello che meglio si adatta alle sue specifiche esigenze. In questi giorni ad esempio, Banca Mediolanum  ha lanciato Riparti Italia Tasso Variabile, […]

La casa è il bene rifugio per eccellenza. Così, chi decide di ristrutturarla o rimodernarla può beneficiare di una serie di agevolazioni fiscali, e scegliere tra i mutui più vantaggiosi presenti sul mercato quello che meglio si adatta alle sue specifiche esigenze. In questi giorni ad esempio, Banca Mediolanum  ha lanciato Riparti Italia Tasso Variabile, il nuovo mutuo dedicato alla ristrutturazione immobili ad uso residenziale e alla sostituzione di un mutuo pregresso.
Il finanziamento ha una durata minima di 10 anni e massima di 20, e l’’erogazione può avvenire in un’’unica soluzione a lavori ultimati, o in tranches successive, in base al piano di ristrutturazione documentato dal perito scelto dalla banca.  Riparti Italia finanzia fino al 100% del costo dei lavori di ristrutturazione, con i seguenti limiti: 50% del valore della prima e seconda casa; l’’importo minimo erogabile è di 25.000 euro. Particolarmente conveniente lo spread, che non supera il 2%; si può avere quindi un TAN del 2,10%, grazie all’’eccezionale discesa dell’’indice a cui questo è “agganciato” (Euribor a 3 mesi). Così, richiedendo un mutuo di 100.000 euro a 20 anni, si può avere una rata mensile di 510,63 euro (TAEG massimo 2,29%).
Riparti Italia prevede l’’opzione “salta la rata” che consente di non pagare la rata al massimo due volte per anno, e non più di sei volte durante tutto il finanziamento (a eccezione dell’’ultimo anno). La durata iniziale del mutuo viene quindi aumentata di un numero di mesi equivalenti a quelli in cui le rate sono state “congelate”.
E’ inoltre ancora attivo Freedom, il prodotto Mediolanum che può essere richiesto per molteplici finalità (acquisto, surroga, sostituzione e ristrutturazione). Per i mutui ventennali lo spread va dal 2,40% (fino al 60% del valore immobile) al 2,60% (dal 60% in poi) e, se aumenta la durata, dal 2,70% (fino al 60%) al 2,90% (dal 60% in poi).

 

 

(03-10-2014)
Francesca Garrisi
Seguici su

Continua a leggere

Articolo precedente

Domande mutui +14,7% a settembre

Articolo successivo

Mutui, lo spread scende … e la rata “dimagrisce”

Right Menu Icon