Nuovi tassi soglia usura sui mutui e mediatori creditizi

A seguito della riduzione dei tassi ufficiali della BCE, anche la Bankitalia ha dovuto adeguare le nuove soglie massime oltre le quali si configura il reato di usura. Il tasso soglia per l`usura sui mutui a tasso fisso, infatti,  scende al 10,38% per il terzo trimestre dell`anno dal 10,46% segnalato per il secondo trimestre 2014. […]

A seguito della riduzione dei tassi ufficiali della BCE, anche la Bankitalia ha dovuto adeguare le nuove soglie massime oltre le quali si configura il reato di usura. Il tasso soglia per l`usura sui mutui a tasso fisso, infatti,  scende al 10,38% per il terzo trimestre dell`anno dal 10,46% segnalato per il secondo trimestre 2014. Lo conferma la Banca d`Italia nella rilevazione dei tassi effettivi globali medi (TEGM) ai sensi della legge sull`usura. Il tasso soglia per i mutui a tasso variabile sale, invece, all`8,77% dall`8,66 per cento. 
Anche sui compensi percepiti dai mediatori creditizi, Banca d`Italia ha adeguato i parametri per evitare tassi usurari. La legge sull`usura prevede il reato di mediazione usuraria quando gli oneri sostenuti risultano sproporzionati rispetto all`opera di mediazione.
Il compenso di mediazione percepito dagli iscritti all`albo dei mediatori creditizi (OAM) per i finanziamenti alle famiglie nel primo trimestre e` stato pari al 5,21% (5,52% nel trimestre precedente).
 
Loredana Aprile

Continua a leggere

Articolo precedente

A chi va pagata l’IVA per l’acquisto di immobili da impresa costruttrice?

Articolo successivo

Mercato: mutui in crescita, BCE agevola la ripresa ma quali ancora gli ostacoli?

Right Menu Icon