Mutui prima casa: più richieste, meno tassi

Meno tassi e di conseguenza più richieste per i mutui relativi all` aquisto prima casa.   A Novembre 2010 i mutui prima casa richiesti per l’acquisto di una casa sono aumentati del 7,7%. Questo miglioramento è stato agevolato dall’abbassamento dei prezzi nel mercato immobiliare, da un aumento delle richieste di mutui prima casa e anche dalla riduzione dei tassi che si sono registrati a fine anno […]

Meno tassi e di conseguenza più richieste per i mutui relativi all` aquisto prima casa.

 

A Novembre 2010 i mutui prima casa richiesti per l’acquisto di una casa sono aumentati del 7,7%. Questo miglioramento è stato agevolato dall’abbassamento dei prezzi nel mercato immobiliare, da un aumento delle richieste di mutui prima casa e anche dalla riduzione dei tassi che si sono registrati a fine anno 2010.

 

Questo è quanto emerge dall` analisi sulla situazione finanziaria delle famiglie italiane che viene scritto dall’ABI insieme al Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

 

Anche a Febbraio 2011 il miglioramento non si ferma e i finanziamenti per l’acquisto degli immobili continuano a crescere.

 

 

Da sottolineare inoltre, dal rapporto dell’ABI, che le rate dei mutui prima casa incidano meno sul reddito delle famiglie: a settembre 2010 il 5,1% del reddito era utilizzato per il pagamento della rata dei mutui prima casa, mentre nell’ anno precedente, la percentuale era del 6,7%, rispettivamente 2009 e 2008.

 

Questa analisi, realizzato da ABIMinistero del Lavoro e delle Politiche sociali, rappresenta una nuova possibilità di tenere sotto controllo l’indebitamento delle famiglie in ogni trimestre.

Continua a leggere

Articolo precedente

Euribor, cosa accadrà ai mutui tasso variabile?

Articolo successivo

Mutui Barclays: Promozione primavera!

Right Menu Icon