Euribor a 3 mesi a -0,002%. Cosa ci guadagna chi ha un mutuo a tasso variabile?

È successo di nuovo. A Gennaio l’’Euribor a un mese era sceso sotto zero, e nei giorni scorsi anche l’’Euribor a tre mesi è diventato negativo. L’’indice ha toccato  quota  -0,002%: non era arrivato mai così in basso dal 1998, quando Bloomberg ha iniziato a rilevarne l’’andamento. Ma cosa indica questo parametro e quali effetti […]

È successo di nuovo. A Gennaio l’’Euribor a un mese era sceso sotto zero, e nei giorni scorsi anche l’’Euribor a tre mesi è diventato negativo. L’’indice ha toccato  quota  -0,002%: non era arrivato mai così in basso dal 1998, quando Bloomberg ha iniziato a rilevarne l’’andamento. Ma cosa indica questo parametro e quali effetti avrà la sua diminuzione sulla vita dei consumatori?
L’’Euribor (EURo Inter Bank Offered Rate) indica il “costo” a cui le banche effettuano i prestiti trimestrali tra loro. Perciò, attualmente agli istituti di credito conviene doppiamente ricevere liquidità, in quanto ci guadagnano. A dare la spinta decisiva alla discesa sotto zero dell’’indice è stato il Quantitative Easing. La massiccia manovra di acquisto di titoli di Stato è stata lanciata dalla Banca Centrale Europea a Marzo.
Tra l’’altro, l’’Euribor a tre mesi è uno dei parametri più utilizzati per determinare gli interessi di un mutuo a tasso variabile. Questi vengono calcolati sommando a esso lo spread (la percentuale di guadagno che la banca fissa per sé). Così, tecnicamente, da qui in avanti gli interessi dovrebbero essere inferiori allo spread.
Tuttavia, già da qualche mese alcuni istituti hanno trovato un modo per “aggirare” tale rischio. Hanno infatti cominciato a inserire nei contratti apposite clausole secondo cui il tasso non potrà scendere sotto una certa soglia minima. Altri potrebbero chiedere al cliente di rinegoziare il finanziamento. In tal caso, la cosa migliore da fare è informarsi,  prima di accettare un’’eventuale modifica. Infatti surrogare potrebbe essere la soluzione ideale, per beneficiare del Quantitative Easing.

Continua a leggere

Articolo precedente

Surroga: quanto ti costa oggi passare al tasso fisso?

Articolo successivo

Stabilità e spread sotto il 2%. Ecco perché gli italiani preferiscono il tasso fisso

Right Menu Icon