Addio, Tasi, confermato bonus mobili: le principali novità della Legge di Stabilità 2016

La Camera ha finalmente approvato la Legge di Stabilità 2016, che adesso passerà al Senato per il via libera definitivo. Intanto sono molte le novità introdotte e confermate, ecco quali sono quelle che riguardano le spese per acquisto o arredamento della casa. ABOLIZIONE TASI E IMU: come avevamo anticipato in questo articolo, è stata annullata la […]

La Camera ha finalmente approvato la Legge di Stabilità 2016, che adesso passerà al Senato per il via libera definitivo. Intanto sono molte le novità introdotte e confermate, ecco quali sono quelle che riguardano le spese per acquisto o arredamento della casa.

  • ABOLIZIONE TASI E IMU: come avevamo anticipato in questo articolo, è stata annullata la tassa sulla prima casa (TASI), una misura da circa 4 miliardi l’anno che riguarda il 70% degli italiani. L’IMU invece resta da pagare per le abitazioni di lusso, ma viene scontato del 50% sulle seconde case date in comodato d’uso gratuito a figli o genitori
  • CONFERMA DEL BONUS MOBILI: la possibilità di detrarre le spese per i mobili di casa non viene solo confermata, ma viene slegata dalla ristrutturazione e viene aumentata da 8.000 a 16.000 euro la quota detraibile. (Leggi anche: Bonus mobili 2016 anche per coppie conviventi)
  • INTRODUZIONE DEL LEASING IMMOBILIARE: sarà possibile acquistare casa senza anticipi, pagando una rata mensile e riscattando successivamente l’immobile. Particolari incentivi sono previsti per giovani sotto i 35 anni e i 55mila euro di reddito annuo. Leggi l’approfondimento »
  • ALTRI SCONTI SULLA CASA: la manovra prevede degli sgravi fiscali anche per chi acquista direttamente dall’impresa costruttrice e per chi affitta il proprio immobile a canone concordato.

Indubbiamente si tratta di un pacchetto di novità che potrà incentivare l’acquisto di un immobile di proprietà, peraltro già agevolato dalle condizioni particolarmente vantaggiose dei mutui bancari, con tassi sia fissi che variabili ai minimi storici.

Se stai cercando il mutuo adatto alle tue esigenze, confronta le proposte delle banche e scegli »

 

Continua a leggere

Articolo precedente

Mutuo CheBanca!: spread a partire da 1,40%

Articolo successivo

Arriva il leasing immobiliare. Ecco cosa cambierà sull’acquisto della prima casa

Right Menu Icon