mutui agevolati prima casa

Mutui agevolati prima casa: gli sconti statali e quelli delle banche

Anche grazie ai mutui agevolati prima casa è proprio la richiesta di finanziamenti per l’abitazione principale a spingere il mercato immobiliare e quello finanziario. La cosa non stupisce visto che è proprio la casa l’investimento primario per gli italiani. Stando ai dati di Banca Italia infatti, le abitazioni rappresentano oltre il 51% della ricchezza totale […]

Anche grazie ai mutui agevolati prima casa è proprio la richiesta di finanziamenti per l’abitazione principale a spingere il mercato immobiliare e quello finanziario. La cosa non stupisce visto che è proprio la casa l’investimento primario per gli italiani.
Stando ai dati di Banca Italia infatti, le abitazioni rappresentano oltre il 51% della ricchezza totale delle famiglie. Dato confermato anche dal report annuale sul risparmio di Doxa-ISP-Centro Einaudi secondo cui gli investimenti nel mattone sono sempre i primi a cui guardano i risparmiatori italiani. E questo è tanto più vero inevitabilmente in un periodo storico caratterizzato da tassi favorevoli come quello attuale. Gli italiani hanno ripreso a comprare casa anche perché questa scelta, oggi, si dimostra in molti casi più conveniente che pagare un affitto.

Agevolazioni prima casa: detrazioni e sconti per l’acquisto immobiliare più importante

In primo luogo, trattandosi di prima casa, la legge prevede una riduzione al 2% dell’imposta di registro e al 4% dell’Iva.
Se si possiede già una prima casa è possibile usufruire delle agevolazioni cedendo la prima entro un anno dall’acquisto immobiliare.
Sulla prima casa inoltre sono stati confermati gli eco bonus per interventi di ristrutturazione o riqualificazione energetica e il bonus mobili.

Mutui agevolati prima casa: condizioni più favorevoli

Le condizioni proposte dalle banche sui mutui agevolati prima casa sono più favorevoli rispetto a quelle standard proprio per facilitare l’accesso al credito da parte dei più giovani con meno liquidità e situazioni lavorative più precarie. Verificare è semplice: basta impostare in un sito di comparazione preventivi i propri parametri di ricerca per avere una panoramica dei mutui disponibili presso le diverse banche online. Questa simulazione mette anche subito in evidenza quanto sia possibile risparmiare sulla rata se a richiedere il mutuo prima casa è un giovane under 35 (con l’appoggio di una figura garante che risponda del rischio di insolvenza tutelando la banca).

Continua a leggere

Articolo precedente
richiesta mutuo prima casa
News

Richiesta mutuo prima casa: cresce quella degli under 35

Articolo successivo
mutuo seconda casa
News

Mutuo seconda casa: ecco le città in cui investire nel mattone conviene di più

Right Menu Icon