Si può revocare la donazione?

Si può revocare la donazione, una volta accettata, solo se ricorrono due gravi motivi. l’ingratitudine di chi ne viene beneficiato (c.d. donatario), che si realizza solo quando: a)     il donante abbia commesso un grave reato nei confronti del donatario (omicidio, tentato omicidio, calunnia); b)     il donatario abbia rivolto una grave ingiuria […]

Si può revocare la donazione, una volta accettata, solo se ricorrono due gravi motivi.
  • l’ingratitudine di chi ne viene beneficiato (c.d. donatario), che si realizza solo quando:
a)     il donante abbia commesso un grave reato nei confronti del donatario (omicidio, tentato omicidio, calunnia);
b)     il donatario abbia rivolto una grave ingiuria nei confronti del donante;
c)     il donatario abbia danneggiato in modo grave e intenzionale il patrimonio del donante;
d)     il donatario abbia rifiutato al donante gli alimenti, dovuti per legge.
Per esercitare la revocazione, il donante ha tempo un anno dal giorno in cui è venuto a conoscenza dell’ingratitudine.
  • Nel caso di donazione fatta prima di avere figli (o ignorando di avere dei figli), essa può essere revocata dal donante entro 5 anni dal giorno della nascita del figlio (o dal giorno in cui ha saputo di avere un figlio).

Continua a leggere

Articolo precedente

Dopo separazione o divorzio, la casa viene sempre assegnata alla moglie?

Articolo successivo

Mutui BNL in riduzione di uno 0,15%

Right Menu Icon