Mutuo al 100% Prima Casa: Tutto quello che c’è da Sapere | Mutui per la Casa

mutuo 100% prima casa

18 Ago 2016 Mutuo al 100% Prima Casa: Tutto quello che c’è da Sapere | Mutui per la Casa

Il mutuo 100% prima casa è la soluzione che permette a chi non ha risparmi da investire nell’acquisto di un immobile, di fare comunque questo passo importante. Oggi infatti, a determinate condizioni, alcune banche sono disponibili a superare il loan to value dell’80% nella concessione dei mutui prima casa.
Sappiamo infatti che la prassi bancaria per i mutui fondiari è quella di sottoporre l’immobile ad una perizia tecnica volta a calcolarne il valore (non necessariamente coincidente, e anzi di norma inferiore, rispetto al prezzo di vendita). Questo passaggio serve a determinare l’importo massimo erogabile: la differenza deve essere coperta dall’acquirente. Ma cosa fare se costui non dispone di risparmi da investire? Il mutuo 100% prima casa, come suggerisce il nome, permette appunto di richiedere un finanziamento pari alla stima della perizia.

Mutuo 100% prima casa: vantaggi e svantaggi per il cliente

Da questa premessa è facile individuare la platea dei clienti potenzialmente interessati al mutuo 100%. Si tratta di persone che vogliono comprare la casa in cui vivere ma che non hanno grossi risparmi da parte. Statisticamente a richiedere i mutui prima casa cento per cento sono soprattutto i giovani under 35 anni.
È vero che oggi esistono anche altre formule interessanti come il rent to buy o il leasing abitativo ma il mutuo 100% prima casa permette di diventare proprietari dell’immobile a tutto gli effetti immediatamente. Se quindi si ha liquidità sufficiente almeno per coprire il gap tra valore dell’immobile secondo la stima del perito e prezzo di vendita, sicuramente il mutuo prima casa 100% può essere una soluzione da tenere in considerazione.
Va detto però che non si tratta di un mutuo ai migliori tassi di interesse. È chiaro infatti che per la banca superare il loan to value dell’80% rappresenta un fattore di rischio e quindi dovrà trovare il modo per tutelarsi.

Mutuo cento per cento prima casa: vantaggi e svantaggi per la banca

Veniamo quindi al mutuo 100% considerato dalla prospettiva dell’ente erogatore: quali sono i vantaggi e gli svantaggi per la banca? Quello dei mutui è diventato oggi un mercato altamente concorrenziale nel quale oltre alle banche fisiche tradizionali si sono inseriti i siti web che erogano finanziamenti e prestiti a tassi agevolati grazie all’abbattimento dei costi di gestione. Lo conferma la grande richiesta di mutui surroga, ovvero di portabilità dei finanziamenti già accesi da parte di chi vuole cambiare banca. In questo contesto per le banche diventa cruciale riuscire non solo a fidelizzare i clienti ma anche attirarne di nuovi proponendo il miglior preventivo mutuo possibile. E se un tempo era impossibile trovare finanziamenti oltre l’80% del valore dell’immobile, oggi accedere a mutui 100% è diventato decisamente più facile.

Va detto anche che la clausola di inadempimento prevista nell’ultimo Decreto mutui ha introdotto una maggiore tutela per le banche in caso di insolvenza. Quest’ultima prevede infatti l’esproprio automatico dopo 18 rate non saldate, anche non consecutive (con la possibilità però per il cliente di essere liberato dal debito anche se il prezzo di vendita è inferiore al capitale residuo). Questa maggiore garanzia ha fatto sì che le banche siano più disponibili a considerare la concessione di mutui immobiliari 100%.



Chiudi

Questo sito fa uso di cookie tecnici, analitici e di profilazione, propri e di terze parti, per migliorare funzionalità e prestazioni. Proseguendo la navigazione o chiudendo il banner acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni